Le fotocamere mirrorless: definizione, storia e confronto con reflex e compatte digitali

Le fotocamere mirrorless: definizione, storia e confronto con reflex e compatte digitali

Negli ultimi quattro anni al già complesso mercato delle macchine fotografiche digitali si è aggiunto un nuovo soggetto: le fotocamere mirrorless.

Questi nuovi gingilli tecnologici hanno smosso parecchio le acque, sia per gli acquirenti, che hanno un nuovo contendente da considerare, sia per i produttori, che hanno dovuto mettersi al passo, producendo ciascuno il proprio modello di mirrorless che andasse incontro ad una richiesta crescente da parte del mercato.

Di fronte a tanta novità, è giusto, al momento dell’acquisto, farsi qualche domanda: mi conviene comprare una mirrorless, una reflex o una compatta? Cosa ci guadagno o ci perdo in qualità dell’immagine? Quali altri vantaggi e svantaggi ci sono? Quali sono i migliori modelli?

Ma soprattutto, cosa sono le mirrorless veramente?

Sono tante domande e con questo articolo voglio aiutarti a fare un po’ di chiarezza su questo nuovo fenomeno che ormai non è più solo un fenomeno ma una vera realtà.

Cominciamo dal principio.

Cosa sono le mirrorless?

Essendo una totale novità, questo nuovo tipo di fotocamera rischia spesso di essere confuso con gli altri già presenti sul mercato. Per fortuna, la definizione è piuttosto semplice.

Esteticamente, una mirrorless (detta anche EVIL: Electronic Viewfinder Interchangeable Lens, mirino elettronico obiettivo intercambiabile) ha l’aspetto di una grossa fotocamera compatta a cui però è possibile cambiare obiettivo. L’obiettivo intercambiabile è la differenza peculiare rispetto alle compatte. Quindi, ne puoi trovare con obiettivi molto corti ma anche con teleobbiettivi che ricordano le dimensioni di una reflex.

Dal punto di vista tecnico, invece, le mirrorless si identificano per non avere all’interno lo specchio. Devi sapere, infatti, che le reflex, ovvero le fotocamere più conosciute prima delle mirrorless con lenti intercambiabili, all’interno hanno uno specchio. Mentre prepari un’inquadratura, questo specchio serve a riflettere l’immagine che entra dall’obiettivo dentro il mirino. Al momento dello scatto, lo specchio si solleva e rimane aperto fino a che l’esposizione non è conclusa (ti può aiutare la grafica a questa pagina).

Le mirrorless non includono questo specchio e perciò possono avere un corpo macchina molto più piccolo. Al contempo, però, diventa impossibile avere un mirino ottico che veda esattamente ciò che vede l’obiettivo, come nelle fotocamere digitali compatte o bridge.

Come vedi, quindi, sia dentro che fuori le fotocamere mirrorless si presentano come una via di mezzo tra reflex e fotocamere compatte.

Mirrorless vs micro quattro terzi

Talvolta, capita di usare erroneamente il termine micro quattro terzi per indicare le mirrorless. In realtà le prime sono un sottoinsieme delle seconde: le micro quattro terzi sono mirrorless ma non tutte le mirrorless sono micro quattro terzi.

Il termine micro quattro terzi indica il rapporto tra le dimensioni del sensore. È il rapporto tipico della vecchia televisione prima che arrivassero gli schermi 16:9. La parola micro deriva dal fatto che queste fotocamere possono permettersi dimensioni piuttosto ridotte sia del corpo macchina che dell’obiettivo.

Fu un consorzio fondato da Panasonic e Olympus a creare questo standard e le prime fotocamere a implementarlo furono annunciate nel 2008. Per approfondire, ti consiglio la pagina di Wikipedia sulle micro quattro terzi.

La diffusione delle mirrorless

Le mirrorless sono state la prima vera grossa novità nel mercato della fotografia digitale da molti anni a questa parte. Precedentemente, le innovazioni si erano limitate a miglioramenti tecnologici incrementali. Era molto tempo, però, che non veniva introdotta una tipologia di fotocamera totalmente nuova.

Sicuramente, le mirrorless sono fotocamere che strizzano l’occhio ai fotografi che desiderano avere una qualità dell’immagine superiore alla maggior parte delle fotocamere compatte ma una portabilità sicuramente maggiore rispetto alle reflex. Lo troverai scritto nei comunicati stampa e nelle pubblicità, ma in fin dei conti è vero.

I primi modelli di mirrorless erano piuttosto costosi, anche di più rispetto alle reflex di fascia bassa. Quindi, inizialmente la diffusione è proceduta a rilento. Inoltre, né Canon né Nikon, i due marchi più rinomati nell’ambito reflex, e per riflesso anche tra le altre tipologie di fotocamere, avevano all’inizio il loro modello di mirrorless.

Le aziende più attive furono da principio Olympus e Panasonic. Nel tempo, hanno presentato i loro modelli anche Sony, Fujifilm, Pentax, Ricoh e Samsung (si potrebbe includere anche Leica, ma la sua serie M ha prezzi con troppi zeri per metterla insieme alle altre, a mio parere).

Il tempo, la moltiplicazione dei modelli e l’aumento delle vendite hanno portato inevitabilmente ad una riduzione dei prezzi. Così, il mercato delle mirrorless si è espanso e, alla fine del 2012, le vendite delle mirrorless hanno superato quelle delle reflex in Giappone.

In generale, il mercato è in evidente ascesa e ciò può fare solo bene, poiché comporta un continuo miglioramento dei modelli e la continua discesa dei prezzi.

L’Italia, come spesso accade quando si parla di innovazione è il fanalino di coda. Tristemente, in questo paese c’è una forte resistenza al cambiamento, anche se è per il meglio, e questo si riflette anche sugli acquisti tecnologici. Quindi, se non trovi abbastanza mirrorless, accessori per le mirrorless o informazioni sulle mirrorless, cerca di instillare l’amore per l’innovazione nelle persone che conosci, bisogna cambiare la mentalità.

Mirrorless o reflex

Rispetto alle reflex, le mirrorless presentano vantaggi e svantaggi. Vediamoli insieme.

Il vantaggio delle mirrorless sulle reflex: la portabilità

Rispetto alle reflex, le mirrorless sono inequivocabilmente più portabili. Il corpo macchina è decisamente più piccolo e leggero, si può facilmente inserire in un borsello. Anche il peso di conseguenza è molto più ridotto.

Attenzione, però, che la scelta della lente influisce tantissimo sulla portabilità e sull’ingombro complessivo. Montando un teleobiettivo, una mirrorless non entra più in un borsello. Il peso, comunque, rimane estremamente contenuto anche con gli obiettivi più lunghi.

Come dicono alcuni, la fotocamera migliore è sempre quella che hai con te. Perciò, la maggiore portabilità di una fotocamera mirrorless, diventa il fattore principale nella scelta tra reflex o mirrorless se l’eccessivo ingombro della reflex ti impedisce di portarla sempre con te.

Svantaggi delle mirrorless rispetto alle reflex

Gli svantaggi sono più numerosi dei vantaggi anche se la portabilità, come scrivevo sopra, può essere un vantaggio sufficiente a determinare la scelta.

Prima di tutto, alcune mirrorless hanno sensori di dimensioni più piccole rispetto alle reflex (qui un utile confronto tra le dimensioni dei sensori delle mirrorless). Le Nikon 1 (le peggiori sotto questo punto di vista) e tutte le micro quattro terzi rientrano tra queste. Però, molti altri modelli usano sensori APS-C, della stessa dimensione delle reflex non professionali (quindi non a pieno formato).

Un efficace confronto tra le dimensioni è visibile in questa immagine presa da Wikipedia (link):

550px Sensor sizes overlaid inside   updated.svg

La tendenza attuale del mercato mostra un aumento generale delle dimensioni dei sensori nelle fotocamere non professionali. È già possibile trovare, infatti, fotocamere compatte con sensore a pieno formato. Probabilmente, anche le mirrorless tenderanno ad avere sensori più grandi nel tempo.

Per ora, tieni sempre a mente che un sensore più piccolo perde un po’ (o molto) in qualità, soprattutto ad alti ISO. Se, però, il modello di mirrorless che stai considerando ha un sensore APS-C, allora sotto questo punto di vista è molto vicino ad una reflex non professionale.

In secondo luogo, le mirrorless non hanno il mirino ottico. Personalmente, e so che per molti altri fotografi è lo stesso, mi sento molto più a mio agio a comporre usando il mirino ottico piuttosto che lo schermo della fotocamera. Se invece hai sempre fotografato con il cellulare o una digitale compatta, questo per te potrebbe non essere un problema.

Infine, molti modelli di mirrorless, per ora non sono per niente economici. Le mirrorless più economiche, costano comunque attorno ai 400 €, quindi hanno prezzi vicini alle digitali compatte di fascia alta. Esistono però modelli che raggiungono e superano i 1000 €. Per farti un’idea, vai a questa pagina di Amazon, con un sacco di modelli: fotocamere mirrorless

Inoltre, devi considerare che, come per una reflex, se vuoi sfruttare la versatilità legata alla possibilità di cambiare obiettivo, prima o poi comprerai qualche nuovo obiettivo e ciò farà lievitare la spesa complessiva.

Può così capitare tra una mirrorless ed una reflex, con un paio di obiettivi ciascuna, la seconda risulti più economica, se si tratta di un modello base o in offerta.

Mirrorless o fotocamera digitale compatta (o bridge)

Le digitali compatte coprono una vastissima gamma di prezzi e presentano le più svariate funzionalità, quindi è difficile fare un confronto dettagliato. Cerchiamo di riassumere.

I vantaggi del mirrorless sulle digitali compatte

Rispetto alla qualità dell’immagine, le mirrorless sono meglio di qualsiasi digitale compatta di fascia non alta. Le compatte più costose (e alcune bridge) montano sensori grandi e hanno un livello qualitativo complessivo elevato che aumenta la qualità dell’immagine.

Inoltre, ovviamente, la possibilità di cambiare obiettivo rende le mirrorless tremendamente più versatili. Si potrebbe dire che le superzoom riescono comunque a coprire la gamma di lunghezze focali di una mirrorless con più obiettivi. L’obiezione, però, e che la qualità ottica degli obiettivi di una mirrorless è sicuramente superiore.

Gli svantaggi delle mirrorless rispetto alle digitali compatte

Per quanto di dimensioni ridotte, una mirrorless è sicuramente più ingombrante di una digitale compatta, anche se avanzata. Se poi monti un obiettivo un po’ più lungo, lo svantaggio diventa ancora più evidente. A confronto di una bridge invece, la mirrorless se la gioca a pari.

Ovviamente, se alla fotocamera aggiungi un corredo di obiettivi e magari anche un flash, l’ingombro complessivo sarà sicuramente inferiore a quello di una reflex con corredo simile ma di molto superiore a quello di una fotocamera compatta o di una bridge.

Un altro svantaggio evidente è il prezzo. Come accennavo sopra, è praticamente impossibile trovare una mirrorless che costi meno di una digitale compatta o bridge.

Conclusioni

Personalmente, trovo le mirrorless una fantastica novità nel campo fotografico. Sono dei giocattolini veramente interessanti.Ma non sono solo giocattolini.

Personalmente, avendo già una reflex, non ci affiancherei una mirrorless ma piuttosto una compatta avanzata. Inoltre, per me, al momento l’elemento più limitante è il prezzo. Questo, però, come sempre, si ridurrà con il tempo.

Se però stai considerando l’acquisto della tua prima fotocamera oppure vuoi evolverti da una compatta o da una bridge, allora non dare per scontato che la reflex sia la scelta migliore. Una mirrorless potrebbe darti grosse soddisfazioni e farti comunque ottenere risultati professionali.

In ogni caso, una mirrorless ti dà il pieno controllo sui parametri di una foto come l’esposizione o la messa a fuoco. Le diverse ottiche permettono anche di sperimentare tutte le lunghezze focali e anche aperture che danno un bello sfocato, proprio come una reflex.

Quindi, se il tuo scopo è imparare a fotografare bene con la mirrorless puoi farlo.

Penso che in futuro vedremo sempre più mirrorless in giro. In realtà in altri Paesi questo futuro si sta già verificando. Alcuni non preferiranno la mirrorless alla reflex per la portabilità, altri le sceglieranno al posto delle compatte per la qualità ottica.

Per un uso che esige grande mobilità, le mirrorless potrebbero diventare la scelta migliore in assoluta, volendo ottenere risultati di elevata qualità.

Inoltre, sospetto che vedremo anche comparire mirrorless full frame ed in generale ci sarà una tendenza all’aumento delle dimensioni del sensore (come dicono anche a DiscorsiFotografici.it).

Ora, mi piacerebbe sapere che ne pensi: hai mai considerato l’acquisto di una mirrorless? Raccontaci cosa ne pensi.

Oppure, possiedi già una mirrorless? Se ti va condividi un link alle tue foto per farci vedere che soddisfazioni ti ha dato.

Per finire, un paio di link utili:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Alberto è il creatore di FotoComeFare e l'autore della maggior parte degli articoli. Fotoamatore appassionato, condivide le sue conoscenze in maniera da renderle il più possibile comprensibili a fotografi di qualsiasi livello.

Subscribe to our mailing list

* indicates required Indirizzo email *
  • Alessandro Esposito

    Da possessore di una micro quattro terzi (Panasonic G3) devo dire che sono pienamente soddisfatto. Ho un piccolo corredo fotografico (tele obiettivo, ultra grandangolo, obiettivo da kit e 2 fissi + accessori vari) che sta comodamente in una borsetta. Con una reflex mi sarebbe servito almeno uno zaino con un peso più che raddoppiato. La resa finale delle foto è paragonabile alle reflex entry-level delle Canon/Nikon. Da un confronto con la Canon 600d di un mio amico non è emersa tutta questa differenza.

    • Alberto Cabas Vidani

      Ne sono certo, ho letto commenti simili sulla qualità delle foto da fotografi esperti.

      2013/2/25 Disqus

  • http://twitter.com/AlfredoBertagna Alfredo

    Avevo una reflex… da poco ho una E-PL5 e sono contentissimo della scelta.
    La reflex, a volte, ero costretto a lasciarla in macchina… e così mi è stata rubata !
    Questa la porto con me ovunque vada, tanto è talmente piccola che non crea certo impiccio.

    A parte l’aspetto dimensioni e peso ritengo che ormai abbiano raggiunto un buon livello e non sono certo da meno rispetto a reflex entry level. L’unica cosa che mi preoccupava era dover scattare guardando il display ma dopo qualche scatto al mirino non ci ho più pensato. Con il display, possibilmente inclinabile, si ottengono facilmente nuovi punti di vista e si è più “discreti”.

  • http://twitter.com/MarcoIntro Marco Introini

    Ho due corredi: uno Nikon (D300s con diverse ottiche anche di qualità) e la Olympus OM-D EM-5 con un piccolo corredino. Devo dire che a livello qualitativo di sensore la piccola Olympus è molto superiore rispetto alla d300s, che invece vince a mani basse per l’af continuo (per lo sport o caccia fotografica). Con AF singolo invece se la giocano alla pari (forse leggermente meglio la Oly)
    Se volete vedere qualche esempio le ultime foto che ho postato su 500px alla mia pagina ( http://500px.com/marcointroini ) sono fatte praticamente tutte con la mirrorless…

    • Rinux56

      Oh, meno male va! Una testimonianza che finalmente mi ha diradato la “nebbia” che mi avvolgeva riguardo i due sistemi.
      Alla fine il sistema reflex ha la meglio solo sull’autofocus continuo. Cosa che continuerà a farla preferire ai fotografi di eventi sportivi.
      Se mai la galoppante tecnologia elettronica portasse le evil alla pari delle reflex in fatto di autofocus, io predico un futuro a scapito delle seconde.

      • Alberto Cabas Vidani

        Sì, infatti. L’altra grande differenza sta poi nel mirino ottico, anche se per molte persone non è fondamentale.

      • FedeC6603Z

        Ti dico solo NEX A6000.

  • http://profile.yahoo.com/3HJ7XO2WBAIOF67TRJQF42C47Y Raul Riva

    Recentemente ho partecipato ad un viaggio fotografico in Oriente con altre persone. C’era chi, come me, aveva il suo pesante corredo Reflex e chi aveva le recenti Fuji X-E1 o Olympus OM-D EM-5. Vi assicuro che sono rimasto basito. Portabilità ed ergonomia eccellenti; funzioni molto interessanti (lo schermo inclinabile della Olympus e la possibilità di vedere in anticipo risultato di sovra-sotto esposizione); discrezione nella fotografia ravvicinata a persone; obiettivi di alta qualità.
    Le foto del 4/3 poi non mi pare abbiano niente da invidiare a quelle di un’ottima reflex.
    Certo, non sto’ parlando dei modelli piu’ economici, ma se dovessi oggi scegliere tra reflex di fascia alta e quel tipo di mirrorless, sarebbe un bel match.
    Non so’, mi viene da pensare che sia la strada del futuro e che l’evoluzione di questa tecnologia potrebbe portare all’estinzione della reflex.
    NOTA: nei modelli citati, nel mirino elettronico vedi esattamente quello che fotografi, tipo reflex ma senza specchio, prismi e tutta la meccanica che ci stà dietro. Moooolto interessante!
    Ciao – Raul

    • Alberto Cabas Vidani

      Riguardo all’estinzione delle reflex, questa non avverrà presto. Al massimo ci sarà un graduale abbandono nel settore molto amatoriale, dove effettivamente sono sovradimensionate.
      Per quanto riguarda il mirino elettronico, è vero che si vede ciò che vede la fotocamera, ma in genere molti lamentano una qualità estremamente inferiore rispetto ad un mirino ottico.

      2013/2/26 Disqus

      • http://twitter.com/MarcoIntro Marco Introini

        Alberto concordo sul fatto che le reflex non spariranno, anche perchè a livello ergonomico sono indiscutibilemnte più comode (essendo più grandi) ma non vedo le mirrorless solo nel settore amatoriale, tuttaltro. Esempio recente è Scott Bourne, noto professionista internazionale, che sta vendendo il suo corredo Canon per passare alla Olympus OM-D
        Sul mirino elettronico posso dire la mia opinone (avendo sia d300s che Olympus OM-D). Il mirino ottico reflex è assolutamente impareggiabile di notte (ad es per le stelle) o quando la luce è molto bassa. In tutti gli altri casi invece il mirino elettronico è molto più comodo secondo me. Esempi: vedi immediatamente le aree bruciate o completamente nere, ancora prima di scattare, puoi rivedere la foto appena fatta senza staccare l’occhio dal mirino e soprattutto la messa a fuoco manuale è enormemente più facileQualche settimana fa ho provato la nuova alpha a99 (full frame con mirino elettronico) e il mirino era una vera bellezza da guardare… la facesse Nikon (avendo già tante ottiche Nikon) la prenderei subito :D

        • Alberto Cabas Vidani

          Grazie, terrò in grande grande considerazione la tua testimonianza sui mirini elettronici.
          Riguardo ai professionisti, hai ragione, ho scritto un commento affrettato. Penso che le reflex in ambito professionale non spariranno mai, ma effettivamente le mirrorless si inseriranno (finite le sperimentazioni entusiastiche) nel normale flusso di lavoro professionale, probabilmente più nel caso di chi lavoro sul campo piuttosto che di chi lavora in studio.

          2013/2/27 Disqus

          • http://twitter.com/MarcoIntro Marco Introini

            Assolutamente d’accordo al 100%. E in effetti io stesso uso la OM-D come macchina da avere sempre con me e da viaggio, ma quando sono in studio o in condizioni dove la portabilità non fa la differenza la Nikon è sempre al mio fianco :) (oltre a quando faccio sport o caccia fotografica, per le quali la D300s è un altro pianeta rispetto alla OM-D)

  • www.stefanopiardi.com

    Interessante, vorrei fare alcune precisazioni:

    a breve ci saranno corpi mirrorless full frame; la sony rx1 (compatta) non ha obiettivo intercambiabile, ma Sony a breve lancerà sul mercato un corpo mirrorless con lo stesso sensore della RX1, un FF, appunto. Probabilmente sarà l’erede della Nex-7
    Samsung  ci sta lavorando da parecchio, il modello sarà (probabilmente) la NX-R. Forse sarà sul mercato prima di Sony.
    Mi sembra un azzardo paragonare le Leica a delle mirrorless. Leica produce da sempre fotocamere a telemetro, che non possono essere considerate mirrorless, e che possiedono un mirino ottico (non allineato alla visione dell’obiettivo, con tutto ciò che comporta…): Sembrava che Leica lanciasse una fotocamera mirrorless, poi prima dell’ultimo Photokina hanno rimandato il tutto. Vedremo… 
    Piuttosto, andrebbero considerate come un mondo a parte, molto interessante, le Fuji x-e1 e x-pro1, che hanno un sistema più simile alle mirrorless (mirino digitale, come nelle mirrorless la prima, mirino ibrido – galileiano la seconda); ma il loro sensore, l’X-Trans, è in grado di fare cose eccelse, anche rispetto alle migliori mirrorless. Ho avuto modo di provare la X-Pro1 con il 35 1.4. Niente da invidiare a Reflex di fascia alta anche a 6400 iso, se non fosse per la maggiore difficoltà nella MaF).Ciao.

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie della precisazione. Non avevo nessuna intenzione di confrontare le Leica con le mirrorless. Ho però trovato questo confronto online, perciò ho preferisto specificare come non siano nello stesso gruppo.

      2013/3/1 Disqus

  • Marco Masserini

    Complimenti Alberto ottimo articolo! Ne ero sicuro che prima o poi l’avresti fatto!
    A giudicare dal numero di commenti sembra anche che abbia suscitato un certo interesse, per questo vi segnalo un sito www.microquattroterzi.it ci ho trovato informazioni tecniche interessanti. (Niente di paragonabile a fotocomefare :-)
    Anche io da Natale ho una mirrorless con attacco micro 4/3 e le prime impressioni sono davvero positive.

    Ho acquistato una Panasonic G3 perchè mi sembrava la più completa del mercato e pure la più economica: - Essendo uscita la G5 a Natale l’ho trovata su amazon a 399 euro!!! (il prezzo cambia ogni giorno, quindi tenete d’ occhio il sito se siete interessati).- Ha il display completamente orientabile- Ha il flash incorporato a differenza dell’ Olympus EPL-3 in cui è applicato al posto del mirino elettronico, quindi o usi il flash o usi il mirino.- Ha l’attacco standard per il flash esterno!!- Ha il mirino elettronico di serie e si vede anche bene.- Ha il corpo macchina in metallo (al contrario della brutta plastica di una Reflex entry level).- Ha 2 tasti e due programmi sulla ghiera superiore completamente personalizzabili.- Con 20 euro puoi comprare degli anelli adattatori per riutilizzare vecchie ottiche per analogiche o ottiche moderne per digitali, ce n’è per tutti i gusti.Attualmente ho l’ obbiettivo di serie 14-42 (che per via del fattore di moltiplicazione di 2x) equivale a un 28 – 84 e appena riesco ho intenzione di acquistare un 17 fisso F1.8 della MZuiko.

    • Alberto Cabas Vidani

      Ciao, grazie del contributo. Oltre alle specifiche tecniche, come ti trovi con la macchina? Hai qualche foto da farci vederere?

      2013/3/3 Disqus

  • Giuseppe Carlo

    Buongiorno, Vi avessi ” scoperto prima”!! – HO DATO VIA una reflex nuova perchè nessuno mi spiegava il funzionamento – Bene. Ora ho un punto di riferimemto. Cordialmente . Giuseppe Carlo

    • http://www.trollare.com Gennarino

      imbecille

  • Evelino

    Articolo e commenti molto interessanti, grazie

    Sto decidendo per l’acquisto della mai prima reflex entry-level (pensavo ad una CAnin EOS 1100) ma a questo punto valuto attentamente le mirrorless.

    Non ci sono standard in vista per gli obiettivi ? cioè comprando una marca mi legherò a questa per gli accessori ?

    • Alberto Cabas Vidani

      Be, se ci pensi non c’è uno standard nemmeno per le reflex che sono in giro da molto più tempo…

  • diego pavan

    scusate ma secondo voi è meglio una canon eos 100d oppure una canon mirrorless rx1oo mark 2?

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le consocenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Subscribe to our mailing list

* indicates required Indirizzo email *
Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Subscribe to our mailing list

* indicates required Indirizzo email *