63 fonti di ispirazione per non rimanere mai a secco di idee per le tue foto

63 fonti di ispirazione per non rimanere mai a secco di idee per le tue foto

Ti è mai capitato di avere il tempo e la fotocamera a disposizione e di non riuscire a trovare un misero singolo soggetto fotografabile?

Fotografare il più spesso possibile è fondamentale per ogni fotografo, ma ci sono momenti, o addirittura periodi, in cui l’ispirazione manca completamente. Se è vero che in certi casi è meglio non forzare la creatività, che tanto si perde solo tempo, esistono modi di alimentare l’ispirazione.

Ci sono attività che conviene praticare abitudinalmente, per mantenere allenata la capacità di trovare ispirazione. Poi, ci sono fonti a cui ricorrere “al bisogno” per riuscire a risvegliare la propria creatività.

In totale, i modi per non rimanere mai a secco di idee sono tantissimi. Ecco allora una lista di 63 fonti di ispirazione fotografiche. Buona lettura!

Light Bulb by jnpoulos, on Flickr
Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.0 Generic License  by  jnpoulos 
  1. Tieni un diario visuale, un raccoglitore di idee fotografiche, che può essere cartaceo, con ritagli di riviste, fotocopie di libri, o digitale, con immagini reperite su Internet;
  2. frequenta e partecipa alle comunità on-line, può trattarsi di Flickr, o di un gruppo Facebook, un forum, qualunque posto in cui persone appassionate di fotografia si ritrovano e scambiano idee, dubbi e consigli;
  3. guarda con occhio fotografico film e telefilm, apprezzando la composizione, studiando la luce, l’uso della profondità di campo, ci sarà un motivo per cui esiste l’oscar per la migliore fotografia;
  4. esplora altre arti visive tradizionali, in particolare la pittura, molte delle tecniche compositive che usiamo oggi sono state studiate e approfondite già nel Rinascimento;
  5. non dimenticare arti più recenti e “commerciali”, come i fumetti, in cui la composizione delle tavole, l’uso della prospettiva e delle luci è elaborato appositamente per veicolare forti emozioni;
  6. leggi tutorial, guide, articoli che possano insegnarti qualcosa che non sai, conoscere una nuova tecnica può aiutarti a trasmettere messaggi che le tue foto prima non hanno mai trasmesso;
  7. partecipa a concorsi, non necessariamente a premi, ti permetteranno di confrontarti con altri fotografi, far valutare le tue foto a qualcuno che probabilmente ne sa più di te o quantomeno raccogliere numerosi commenti,
  8. frequenta le giuste compagnie, non necessariamente altri appassionati di fotografia, ma in genere persone che ti forniscano stimoli e che supportino le tue idee;
  9. prova a fotografare per un periodo (ad esempio una settimana) sempre alla stessa lunghezza focale;
  10. prova a fotografare per un periodo sempre alla stessa apertura,
  11. limita il numero di scatti che puoi eseguire in una singola uscita fotografica, sarai così costretto a pensare molto attentamente ogni volta che vorrai premere il pulsante di scatto;
  12. non guardare le anteprime delle foto dopo averle scattate, pensa come se usassi ancora un rullino;
  13. non smettere mai di pensare come un fotografo, cerca continuamente soggetti fotogenici, analizza la luce, immagina la scena che stai vedendo attraverso una particolare lunghezza focale;
  14. impara dai tuoi errori, non eliminare subito le foto sbagliate, prendi nota di ciò che non va e immagina come potrai correggerlo;
  15. abbraccia il caso, lascia che i tuoi scatti vengano “inquinati” da elementi fuori dal tuo controllo;
  16. rompi le regole, ad esempio quelle sulla composizione;
  17. non avere paura, non temere il giudizio di chi osserva le tue foto o di chi non apprezza le cose che deve assumere per fare le foto che desideri;
  18. esci dalla routine, se frequenti sempre gli stessi luoghi, trova un nuovo posto dove recarti, se fai sempre le stesse cose, introduci una nuova attività nelle tue giornate;
  19. fotografa, fotografa, fotografa;
  20. asseconda i limiti, se le condizioni in cui ti trovi non ti permettono di fare le foto che vorresti, trova un modo per riuscire a ottenere uno scatto di valore;
  21. chiediti: cosa succederebbe se? Cosa succederebbe se usassi questa lunghezza focale? Cosa succederebbe se usassi questa apertura?
  22. Conosci te stesso, analizza le tue emozioni, ascolta i tuoi pensieri, più ne saprai di te, più riuscirai ed esprimerti nelle tue foto;
  23. smettila di censurati, le tue foto non sono così orribili, lascia che siano gli altri a deciderlo;
  24. osserva e analizza le foto che ti colpiscono, sia quelle dei grandi fotografi, sia quelle di fotografi meno conosciuti che però attraggono la tua attenzione;
  25. copia le foto che ti piacciono, non per arrogarti meriti che non sono tuoi, ma per vedere quanto padroneggi le tecniche usate per uno specifico scatto;
  26. compra un nuovo obiettivo, non un semplice aggiornamento di qualcosa che già possiedi: se hai solo obiettivi zoom, comprane uno a focale fissa, se usi solo grandangoli,i compra un teleobiettivo, se hai solo obiettivi con apertura massima ridotta, compra un obiettivo luminoso con apertura massima molto ampia;
  27. compra un flash esterno, se non ne hai mai usato uno, conoscerai un tipo di fotografia decisamente nuovo;
  28. compra un qualsiasi altro accessorio che non hai ancora disposizione, che permetta di sperimentare nuove tecniche o nuovi generi, come un treppiede;
  29. racconta i luoghi in cui vivi ad un amico straniero immaginario;
  30. individua un tema, ad esempio un’attività lavorativa, un colore, uno stato d’animo, e scatta una serie di fotografie che lo rappresentino;
  31. ripercorri i tuoi archivi di foto e cerca di individuare se inconsciamente hai già sviluppato o sei già affezionato a qualche tema;
  32. trova una musa ispiratrice, una persona, un luogo, una musica, una sensazione in grado di ispirati a creare i tuoi migliori lavori;
  33. visita Flickr Explore, che raccoglie le foto più interessanti condivise dagli iscritti;
  34. iscriviti ad un fotoclub;
  35. consulta con regolarità i blog fotografici migliori;
  36. ascolta la tua musica preferita, cerca di collegare le emozioni che ti fa provare la delle immagini che potresti realizzare;
  37. inizia un progetto fotografico;
  38. trova un evento, anche piccolo, da fotografare, come un evento sportivo, una manifestazione locale, una festa;
  39. guarda sempre sopra, indietro, a destra e a sinistra, non solo avanti, per non perderti i dettagli che sfuggono alla routine;
  40. sfrutta le festività e le ricorrenze, per fotografare le icone che non si presentano nel resto dell’anno;
  41. chiedi ai tuoi amici e parenti di posare per te, potrebbe essere l’unico modo per praticare il ritratto con tranquillità;
  42. fotografa il cibo, a casa ma soprattutto al ristorante, dove verrà presentato in maniera molto più scenografica;
  43. fotografa al buio, o con luce scarsa, ti si presenteranno nuove opportunità e nuove sfide assenti in condizioni di luce normali;
  44. racconta una storia con le tue foto;
  45. fotografa un oggetto comune in molte maniere diverse (almeno cinque), sperimentando punti di vista e modi di illuminarlo differenti;
  46. mettiti alla prova con gli autoritratti;
  47. gioca con PhotoShop, o Lightroom, o qualsiasi altro programma di fotoritocco, se proprio non trovi cosa fotografare, magari scoprirai come elaborare qualche tua immagine;
  48. leggi il manuale della fotocamera, non si sa mai che tu possa scoprire qualche funzione da sperimentare;
  49. visita un mercato rionale, vi troverai merci, movimento, persone e probabilmente una confusione che ti lascerà passare inosservato mentre cerchi opprtunità fotografiche;
  50. raggiungi una città di dimensioni medie o grandi e fai un po’ di street photography, cercando di cogliere l’attimo con i tuoi scatti;
  51. vai allo zoo, una buona scorciatoia per fare un po’ di fotografia naturalistica (o una sua imitazione);
  52. cambia prospettiva, se hai sempre scattato in piedi, buttati pancia a terra, generale fotografa tutto da un punto di vista ribassato;
  53. scegli un altro momento per fotografare, se hai sempre fotografato di pomeriggio prova a uscire la sera, o la mattina;
  54. visita ed esplora i siti di microstock, dove sono presenti foto che vanno incontro al gusto commerciale di oggi e lavori veramente pregevoli;
  55. apri un fotoblog, in cui parlare delle tue esperienze fotografiche e raccogliere le opinioni dei visitatori;
  56. fotografa per beneficenza, è un ottimo modo per metterti alla prova e creare un portfolio;
  57. gioca con i colori, individua accostamenti interessanti, trasformali in post produzione;
  58. usa solamente il bianco e nero,
  59. prova un nuovo genere fotografico, sei hai fatto soprattutto paesaggi finora, prova con i ritratti, se hai fatto solo still life, prova la fotografia architetturale e così via;
  60. iscriviti ad un corso di fotografia, non un corso base, bensì qualcosa che si focalizzi su un aspetto, come la composizione, o su un genere, come i reportage;
  61. crea una lista di cose da fotografare, una lista di soggetti che dovrai a tutti i costi immortalare almeno una volta;
  62. fai qualcosa solitamente inaccettabile, come scattare con tempi di esposizione lenti a mano libera, o scegliere soggetti assolutamente insignificanti;
  63. stampa le tue foto, imparerai così cosa vuol dire stampare, ma costruirai anche un rapporto più fisico con i tuoi lavori.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

  • Tichico.93

    Bellissimo articolo…complimenti!!! Sono consigli utilissimi…grazie

  • mire74

    Utilissima lista, mi hanno molto colpita soprattutto i consigli 59, 61 e 62. Per quanto riguarda l'acquisto di un nuovo obiettivo, non vedo l'ora che arrivi l'85mm f/1.8 USM (uso una Canon): sarà perfetto per i ritratti (e non solo), non mi sono mai cimentata molto e non vedo l'ora! Grazie davvero!

    • Grazie a te. Ti dirò che è appena uscita l’85 f1.8 per la Nikon ad un prezzo strabiliante e se avessi i soldi lo comprerei al volo.

  • Andrea

    Anche se le liste di cose non servono con probabilità a diventare dei grandi fotografi però ritengo che siano utilissime a capire quante cose non facciamo più ormai presi dalla solita routine perdendoci sicuramente qualche scatto molto valido.
    Ho già trovato in questa lista alcune cose che mi erano passate di mente (chiudendomi ancora di più nella mia routine) e con piacere qualcun e me le ha ricordate aprendomi di nuovo a nuove esperienze.
    Grazie.

  • S Bringblade

    Alberto,sei un grande,mi perdo ancora su tante cose,ma i tuoi consigli mi sono molto utili,grazie ancora!!!

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie a te, su cosa ti perdi? Posso aiutarti?

      • S Bringblade

        beh,uso la macchina fotografica da quando dall’era del rullino,e li era piu’ facile per me,ora ho 2 reflex,e faccio un sacco di scatti,ma non ho il tempo per dedicarmi a leggere il libretto d’istruzioni,quando posso,e non spesso purtroppo,mi metto sul tuo blog,cercando qua e la di migliorarmi sulla tecnica e come poter usare al meglio le varie impostazioni della macchina…..cmq grazie,e sicuro che se avro’dei quesiti da porti,lo faro’!!!Grazie mille,e buona luce!!!

  • Iside

    Articolo molto interessante, complimenti ne farò tesoro. :)

  • DruidoBianco

    mi è piaciuto più di tutti il consiglio 29, un bel modo per sforzarsi nel vedere la propria città con occhi diversi ed apprezzarne il meglio. Sul consiglio 28 vorrei aggiungere una cosa…. i filtri! comprare dei filtri nuovi costa poco e offre tantissime possibilità, dai primi esperimenti di macro senza spendere una fortuna, con reverse ring o lenti close up, paesaggi nuovi con il polarizzatore, filtri graduati, e le infinite possibilità di un filtro ND che per pochi spicci introduce al mondo delle lunghe esposizioni, quello che invece viene di solito percepito come un problema per chi scatta a mano libera diventa un nuovo orizzonte con un piccolo cavalletto e questi filtri mangia-luce.

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie mille del consiglio.

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni