Questo articolo si rivolge principalmente ai fotografi professionisti, ma parlerò di trucchi e consigli che vanno bene per tutti. Anzi, il neofita potrà ottenere forse effetti ancora più interessanti iniziando a costruirsi una base di follower sui social, in particolare su Instagram.

Se sei un fotografo professionista e non sei su Instagram, sappi che stai perdendo un’occasione importantissima, mentre i ragazzini con l’iPhone si stanno accaparrando quelli che potrebbero essere i tuoi lavori e le tue campagne pubblicitarie, lasciandoti con la tua 5D Mark III e l’obiettivo di serie L.

Certo, è uno scandalo che un ragazzino con un’attrezzatura inferiore alla tua ti strappi via il lavoro, ma la realtà dei fatti è che quel ragazzino, attraverso i social, riesce a raccontare storie e a creare ottimi contenuti, ed è proprio questo ciò che al giorno d’oggi i brand amano sopra ogni cosa e desiderano spasmodicamente.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

Collaborare è fondamentale

Nel caso dei social media, i vari gruppi che si sono costituiti nel tempo sono finiti sotto il grande ombrello di Instagram, aggregandosi in comunità. Chiunque vorrebbe far parte di un ecosistema in cui tutti aiutano gli altri nel modo più rapido e creativo possibile.

In una scala da 1 a 10, per crearsi un buon seguito di follower, collaborare ha importanza 10! E’ sicuramente uno dei modi migliori per ottenere follower in modo naturale: lavorare e collaborare con creativi intorno a te, che si tratti della tua città o anche più lontano.

Personalmente, ho ottenuto molto successo quando ho lavorato con alcuni dei migliori creativi della mia città, tutto grazie alla fondazione e gestione di un gruppo di Instagrammers di Indianapolis. Il gruppo è dedicato completamente alla community, ma ormai sono quasi 3 anni che continua a crescere.

Questi sono tutti scatti creati con amici nuovi, grazie alle collaborazioni nate su Instagram.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

Anche se un gruppo basato su una community non sembra in grado di per sè di far guadagnare denaro, il suo valore è nella costruzione di una comunità e nelle relazioni che ne derivano. E’ fantastico che il mio nome sia collegato a una cosa del genere, e raccomando fortemente a ogni fotografo professionista o amatoriale di entrare in un gruppo nella propria zona. La rete che si può creare, sia professionalmente che a livello personale, è senza dubbio una delle cose più formative che si possano avere in questo campo.

Nel tuo prossimo contratto ricordati dei social

Quando crei scatti professionali per marchi o aziende, generalmente viene deciso a priori che consegnerai loro almeno un certo numero di immagini, secondo quanto scritto nel contratto. Qualunque sia il tuo stile comunicativo nei riguardi del tuo cliente, il prossimo consiglio è molto importante per quei fotografi professionisti che in futuro vogliono ottenere sempre più visibilità per ogni loro nuovo lavoro.

Quando vai a scrivere una email, un tuo preventivo o un contratto di lavoro, aggiungi in calce una clausola sulla condivisione sui social. Con questo intendo dirti di spingerli a condividere un certo numero di immagini sui social per contratto, includendo il tuo nome o un link al tuo profilo Instagram. E’ incredibile quanto, negli ultimi 6 mesi di lavoro con aziende, questa piccola cosa sia per me diventata importante, permettendomi di ottenere altri 4000 follower solo aggiungendo questa nota agli accordi.

Questo consiglio non si limita solo ai professionisti. Se stai iniziando e vuoi crearti un certo seguito, insieme a un ricco portfolio, mettiti alla ricerca di brand con cui lavorare, nella speranza che vogliano collaborare con te. Questo potrebbe significare un piccolo lavoro pagato, o anche uno scambio di servizi.

Per esempio, nel mio lavoro con Crevo Footwear inizialmente ho scambiato un paio di stivali con alcuni scatti, oltre ad alcuni post sulla mia pagina Instagram. Quell’accordo si è trasformato in una relazione lavorativa incredibile, visto che successivamente ho fotografato per la loro collezione Autunno e ora mi sto preparando per lavorare alla collezione Primavera.

In ognuno di questi progetti ho semplicemente aggiunto la clausola di condivisione sui social e link su Instagram, e ogni volta ho visto arrivare tantissimi nuovi contatti al mio account.

Qui sotto ti mostro alcune altre piccole cose che hanno funzionato in un modo simile a quanto successo con Crevo, inizialmente sfruttando semplici scambi o piccoli progetti per poi lavorare sulle condivisioni e link al mio nome sui loro account social. Alcuni marchi sono molto più importanti e diffusi di altri, come Mashable e Daniel Wellington, ma non sottovalutare le piccole aziende, come piccoli negozi locali, dove puoi raggiungere un maggior numero di follower del posto.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

Consegna sempre più foto

Questo può sembrare un consiglio semplice, ma ricordati di consegnare sempre di più di quanto richiesto dai tuoi clienti. Anche quando hai un contratto già stipulato, in base al quale consegnerai solo pochissime foto molto selezionate da utilizzare per una campagna pubblicitaria o una promozione molto specifica, consegnane sempre di più.

L’idea è quella di dare loro scatti che vadano ben oltre qualunque fosse il loro primo obiettivo, ottenendo interesse e attenzione sui loro social. Questo ti permetterà di metterti in mostra rispetto agli altri fotografi della lista, ottenendo in cambio altri lavori più avanti.

Un altro ottimo modo per rendere loro la vita più semplice è quello di creare, come fai sempre, la tua cartella finale dove raccoglierai gli scatti, ma oltre a questa crearne anche un’altra che chiamerai “Social”, dove inserirai immagini già ottimizzate per Instagram e Facebook. Se ti stai chiedendo come ottimizzare al meglio le immagini per il web e i social network, puoi documentarti leggendo questo nostro articolo.

In questo modo, tutto quello che il brand dovrà fare sarà prendere questi scatti e postarli direttamente sul loro account. Di nuovo, questo consiglio in generale può sembrare una cosa stupida, ma credo che sia davvero qualcosa che mi ha aiutato a superare i miei concorrenti, sia nella mia zona che al di fuori di essa.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

Spero proprio che questi consigli possano essere utili, sia a chi sta iniziando, sia a chi legge queste parole da un punto di vista professionale, approfondendo un po’ di più la questione rispetto agli articoli sul semplice uso degli hashtag e sul diventare follower per farsi notare.

Articolo di ANDREW GRISWOLD liberamente tradotto dall’originale: https://fstoppers.com/originals/how-grow-large-instagram-following-professional-photographer-very-little-effort-110063