Come rubare ai fotografi migliori per imparare a fotografare meglio

Come rubare ai fotografi migliori per imparare a fotografare meglio

Chi non sa nulla di fotografia di solito vede una foto ben riuscita e pensa “Che bella!”. Poi tutto finisce lì, non segue nessuna riflessione.

Tu che fotografi, invece, probabilmente quando vedi una bella foto pensi “Bellissima! Ma perché a me non vengono così?”.

Per passare oltre a questo stadio devi essere in grado di riconoscere cosa c’è di bello nella foto, cosa ha fatto il fotografo: il tuo scopo è quello di poterlo emulare.

Osservare e analizzare le foto altrui è un esercizio indispensabile per ogni appassionato di fotografia (lo consiglia anche David duChemin su Chasing the Look).

In questo articolo imparerai come osservare le foto per imparare ad emulare chi è più esperto di te.

A che scopo analizzare le foto?

Fermandoti all’impatto emotivo generale di una foto, non puoi trarne alcun insegnamento. Anzi, puoi solo continuare a concepirla come una magia, di una bellezza incomprensibile.

Analizzandola nel dettaglio, invece, riuscirai a decifrarne i meccanismi, a identificarne gli ingredienti segreti. Una volta scoperti questi, saprai su cosa esercitarti per ottenere anche tu degli scatti efficaci.

Nel tempo, ti accorgerai di come alcune delle cose che funzionano di più si ripetano e saprai quindi che su di esse puoi fare affidamento per migliorare uno scatto.

Come analizzare una foto a scopo di imparare?

Secondo me, gli aspetti da considerare nell’analisi di una foto si possono dividere in cinque categorie:

  • emozioni, reazioni che la foto suscita;
  • aspetti tecnici;
  • aspetti artistici, in particolare la composizione;
  • soggetto, inteso come la persona o la cosa che riveste il ruolo principale, oppure come il concetto che si vuole rappresentare;
  • fotoritocco e post-produzione.

Sicuramente, esistono altri schemi e inoltre queste categorie si intersecano.

Un punto fisso per me è cominciare dalle emozioni, dalle reazioni suscitate, perché così puoi valutare tutti gli altri aspetti considerando come essi contribuiscano a generare queste reazioni.

D’altronde, lo scopo finale è imparare come comunicare ciò che si desidera attraverso un’immagine.

Andiamo quindi a vedere ogni categoria in dettaglio.

Emozioni e reazioni

Una foto che piace, inevitabilmente genera prima di tutto una reazione istintiva in chi la osserva.

Se provi a ricordare, di fronte a una bella foto il tuo primo pensiero non sarà mai stato “Ottima scelta di lunghezza focale” oppure “Che tempo di esposizione perfetto”. Piuttosto avrai provato immediatamente una reazione di stupore, di piacere, di tristezza, ecc.

Queste sensazioni a pelle sono importantissime perché sono loro ad agganciarti, a spingerti a continuare l’osservazione della foto e quindi a coglierne gli aspetti più profondi.

Quindi, di fronte a una foto per prima cosa poniti domande come queste:

  • Cosa sento? Cosa provo?
  • Perché?
  • Quali elementi della foto suscitano questa reazione?
  • Cosa mi ricorda?

Aspetti tecnici

Per valutare gli aspetti tecnici, non devi solo considerare se essi sono corretti ma anche il perché di ciascuna scelta, ovvero come la tecnica sia stata usata a scopo comunicativo .

Nel valutare l’esposizione considera se la foto è stata appositamente sovraesposta o sottoesposta e perché. Considera se alcune zone sono state rese appositamente troppo scure o troppo chiare.

Passando alla messa a fuoco, trova quali elementi sono i più nitidi, i più a fuoco. Questi sono gli elementi su cui il fotografo voleva attirare la tua attenzione.

Osserva poi quali elementi sono sfocati e quanta parte dell’inquadratura è complessivamente fuori fuoco (ovvero valuta la profondità di campo ). Anche questa è una scelta con delle motivazioni precise.

Guarda se è presente del movimento, sia da parte dei soggetti che da parte della fotocamera. Una foto mossa non è necessariamente sbagliata, il mosso artistico si può usare, ad esempio, per suggerire dinamicità.

Tutti questi elementi corrispondono a precise impostazioni della fotocamera:

  • apertura,
  • tempo di posa,
  • ISO,
  • messa a fuoco,
  • lunghezza focale.

Se hai a disposizione i dati EXIF della foto, puoi fare un parallelo tra ciò che vedi e le impostazioni effettivamente impiegate.

Altrimenti, un ottimo esercizio suggerito anche nell’ebook Chasing the look , è quello di provare a indovinare le impostazioni. Vedrai che dopo un po’ diventerai piuttosto abile a farlo.

Analizza molto attentamente la luce sfruttata per lo scatto. Considera tutti gli aspetti: la direzione, l’intensità, il colore (di cui ho parlato nell’articolo Ti presento la luce, migliore amica di ogni fotografo ).

Poni attenzione al ruolo che la luce riveste nel provocare determinate reazioni e nell’esaltare o nascondere determinate parti dell’inquadratura.

Aspetti artistici

Questa categoria riguarda principalmente la composizione. Osserva questi aspetti:

  • È applicata qualche regola della composizione, come la regola dei terzi o la sezione aurea ?
  • Che percorso segue l’occhio osservando la foto? Su quali elementi si sofferma?
  • Viene sfruttata la prospettiva per dare tridimensionalità e condurre lo sguardo?
  • Sono presenti linee verticali, orizzontali, oblique o convergenti con un ruolo preciso nella composizione?
  • Le regole vengono appositamente violate?
  • Sono presenti curve ad S, molto efficaci nel condurre l’occhio?
  • Esistono delle ripetizioni, dei pattern che danno ritmo alla foto?
  • La composizione sfrutta o suggerisce forme geometriche, come il triangolo?
  • Viene usato qualche oggetto per fare da cornice all’interno della foto?
  • Che relazione c’è tra lo sfondo e il primo piano?
  • Lo sfondo contribuisce attivamente o è solamente spazio negativo?
  • Che relazione c’è fra i colori usati? Sono caldi o freddi, complementari, molto simili tra loro?
  • Se la foto è in bianco e nero, che vantaggio trae da questo trattamento?

Un caso speciale è costiuito da una foto astratta. In questo caso valuta come l’astrazione riesca a trasmettere sensazioni, al contrario, molto concrete.

Il soggetto

Il soggetto principale in rari casi fa da solo la foto, generalmente è solo un comprimario, che assume valore solamente insieme a tutti gli altri elementi .

Chiediti allora qual è il peso del soggetto nella foto che stai osservando. È un soggetto banale valorizzato adeguatamente o è un soggetto che da solo suscita le reazioni che hai identificato prima?

Analizza anche la relazione in cui è posto il soggetto con gli altri elementi presenti nell’inquadratura, come lo sfondo o eventuali oggetti che ha in mano o addosso, se si tratta di un ritratto.

Fotoritocco e post-produzione

Il successo di molte immagini non può prescindere dalle scelte fatte in fase di post-produzione.

Prima di tutto, cerca di identificare se la foto ha subito un pesante fotoritocco, se il contenuto cioè è stato modificato incollando elementi da foto diverse o dipingendo sopra la foto.

Per quanto riguarda esclusivamente la post-produzione, poni particolare attenzione ai seguenti aspetti:

  • contrasto;
  • colori (saturazione, divisione toni, ecc.);
  • bilanciamento del bianco, che può essere realistico o modificato per suggerire particolari stati d’animo;
  • nitidezza, che può essere molto spinta oppure opportunamente ridotta per ammorbidire i contorni;
  • effetti, come l’aggiunta di grana o di vignettatura;
  • trattamenti speciali, come l’HDR.

Tieni ben in considerazione quanto il fotoritocco e la post-produzione siano stati importanti per l’efficacia comunicativa della foto. La loro vera utilità non sta nel correggere le sventatezze in fase di scatto ma nel potenziare il messaggio.

Flower arrangement in the sky by tanakawho, on Flickr
Creative Commons Creative Commons Attribution-Noncommercial 2.0 Generic License   by  tanakawho 

Mettere tutto insieme

Sono tante le cose da osservare, ma, una volta di fronte a una foto, ti accorgerai come sia possibile analizzarle in poco tempo. Ti accorgerai soprattutto di come più le osserverai, più ti verrà automatico.

Comincia subito allora. Prendi le foto dei fotografi famosi, le foto che più ti piacciono su Flickr, le foto sulle riviste.

La cosa migliore è scrivere la tua analisi della foto, dividendola per punti.

Puoi anche pensare di scrivere le note direttamente sulla foto. Se la prendi da una rivista è facile, ma anche al computer non ci sono problemi. Esistono, infatti, molte applicazioni per annotare le foto, ma ti basta aprire una foto in Photoshop o altri programmi analoghi e scrivere direttamente sulla foto.

Immagine di copertina

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

  • Davide Gobbi

    Questo articolo è fantastico. Semplice ma esaustivo, uno di quelli da stamparsi e tenersi sempre a portata di mano, specialmente per un principiante come me. Se tu decidessi di aprire la nuova rubrica sull’argomento, hai già trovato un fan accanito :)

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie dei complimenti e grazie dell’opinione sulla rubrica!

  • Akunamatata84

    Gran bell’articolo!!d’accordissimo sull’apertura della nuova rubrica!!

    • Alberto Cabas Vidani

      Perfetto, grazie!

  • Irene

    Ma sai che stavo per proportelo io?! Spesso osservo le fotografie di fotografi famosi e cerco di analizzarle e capire come sono state scattate, ma non è sempre facile, e nella maggior parte dei casi poi non ho la possibilità di verificare se le mie supposizioni sono esatte! Rubrica approvata! :)

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie, io penso però non di prendere le foto di fotografi famosi, perchè potrebbero essere coperte da copyright.
      Penso di prendere foto di qualità che posso usare senza problemi e di cui non esistano già critiche più che approfondite. Penso di farlo più per imparare tecniche che per la critica di per sè.

      • Irene

        sì sì, anch’io lo faccio per imparare!

  • Irene

    Ma sai che stavo per proportelo io?! Spesso osservo le fotografie di fotografi famosi e cerco di analizzarle e capire come sono state scattate, ma non è sempre facile, e nella maggior parte dei casi poi non ho la possibilità di verificare se le mie supposizioni sono esatte!
    Rubrica approvata! :)

  • michele negri

    sarebbe davvero un’ottima idea! complimenti!!!

    • Alberto Cabas Vidani

      Ok, grazie!

  • Maric

    Mi piace sia lil post che l’idea!

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie.

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie!

  • concordo. Aspetto la nuova rubrica

    • Alberto Cabas Vidani

      Ok, perfetto.

  • bricolari

    molto interessante ed istruttivo.

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie, cosa ne diresti della ribruca che menzionavo in fondo?

  • Magari, sarebbe di grande aiuto, mi interesserebbe sopra tutto vedere come arrivi a trovare il cosa e il come della post produzione, per esempio ho cercato un casino di dati sulla post produzione dei ritratti di L.J. ma non riesco a trovare niente neanche un tentativo per dire. Quindi rubrica strutturata così sarebbe oro colato per run principiante come me. Grazie mille per il lavoro del blog che è uno dei migliori :-))

    • Alberto Cabas Vidani

      Sì, valuterei anche la post-produzione, nei limiti delle mie conoscenze.
      Grazie del feedback.

  • Tichico93

    articolo esaustivo e completo, come sempre!!!
    da quando leggo i tuoi articoli la mia passione per la foto cresce sempre più…e sicuramente con la nuova rubrica coltiverò un nuovo occhio critico…….assolutamente d’accordo……saluti

    • Alberto Cabas Vidani

      Ottimo, grazie.

  • G Cammarata

    ASPETTO LA NUOVA RUBRICA!!!

    • Alberto Cabas Vidani

      Cavoli, mi sta crescendo un po’ di apprensione ;-)

  • Picciotta74

    Ottimo post ed ottima idea!

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie mille.

  • Ernestoricci

    sono sicuroche sia una buona cosa… aspetto con curiosità che la tua idea vada a buon fine!!!

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie.

  • Mvtmgs

    Ottimo articolo, complimenti. Io ho numerose riviste di fotografia comincerò ad analizzare quelle… :-) l’idea della nuova rubrica è geniale sarò uno dei fan!!!

    • Alberto Cabas Vidani

      Benissimo, l’aspettativa cresce.

  • Sarosky 87

    concordo con la rubrica!! bellissimo articolo!

    • Alberto Cabas Vidani

      Ok, grazie.

  • Marco Cosenza

    è una buona idea quella della rubrica, secondo me, meglio del “migliora la mia foto”

    • Alberto Cabas Vidani

      Ricevuto.

    • Maria

      Credo siano due cose un po’ diverse..la critica al proprio lavoro io la vedo invece molto costruttiva,fatta da Emi poi è molto particolareggiata e da anche molti spunti tecnici per migliorarla. Nulla toglie alla nuova rubrica che spero vada online a breve.

      Ciao Maria.

      • Alberto Cabas Vidani

        Spero di farla partire entro 2 settimane.

  • Madeoandrea

    Appena approdato su questo nuovo Blog e mi chiedo…come ho fatto fino ad ora…Bravissimo Albert..Ottimo davvero…Alzo anche io la mano per la nuova rubrica…dai fallo!!!!

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie dei complimenti, consiglialo anche ai tuoi amici, così possono scoprirlo anche loro.

  • Skech

    gran bell’articolo. favorevole all’analisi della foto.

  • Flaviopiombo

    sono pienamente concorde con tutti gli altri al via la nuova rubrica .
    complimenti

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie, debutterà presto allora.

  • Veronica Iavarone

    Credo che possa essere molto utile e formativo per chi, come me, è desideroso di crescere e imparare. Io leggerei la rubrica con molto interesse e partecipazione!

    • Alberto Cabas Vidani

      Ottimo, spero di cominciare a pubblicarla settimana prossima o al massimo quella dopo.

  • Paolabutta

    Bell’articolo e ottima idea. Attendo con ansia
    Paola

    • Alberto Cabas Vidani

      Ok, spero di essere all’altezza.

  • hyndrew

    Aspetto anch’io la nuova rubrica!
    In particolar modo sono terribilmente attratto dall’idea di provare ad indovinare le impostazioni di una fotografia semplicemente guardandola, penso sia il modo più efficace e diretto per imparare, più che leggere manuali pieni di descrizioni ma senza fotografie.

    Ho cercato siti del genere, ma senza successo purtroppo….
    Grazie mille per tutto quello che fai ;)

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie a te, spero che sarò all’altezza delle aspettative.

  • romy

    Bravo… hai trovato una nuova fan!

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie a te!

  • Mirko Basilisco

    A quando l’apertura??
    complimenti bellissimo articolo, esplicito e chiaro.

  • Annina

    Assolutamente SI!!! :D

  • Mauro Digiovanni

    ho da poco comprato una nikon d522 con 18/105 e questo articolo è veramente interessante , come tutto il resto. Avere a disposizione una rubrica con le analisi da te descritte sarebbe uno stimolo di crescita professionale nell’arte dello scatto. Condivido

    • Alberto Cabas Vidani

      Ciao,
      la rubrica c’è già e si chiama sotto la lente.

  • Mauro

    L’ho letto solo oggi ma…wow è assolutamente esaustivo, interessante e stimolante. Che dire?!? D’accordo con tutti gli altri circa l’apertura della rubrica; sempre che, da allora, non sia già stata aperta. :)

    • Alberto Cabas Vidani

      Ciao, sì, è stata aperta è chiusa. Si chiama Sotto la lente

  • Annalisa Caretto

    La nuova rubrica sarebbe utilissima!
    Complimenti per la semplicità con cui riesci a spiegare un mondo intero di aspetti… Complimenti per l’entusiasmo che riesci a trasmettere e grazie per lo spazio che stai dedicando a ciascuno di noi

  • Patrizia Pinello Psicoterapeut

    Guarda ..mentre leggevo l articolo pensavo: sarebbe carino se l ottimo Alberto commentasse qualche foto d autore, comprese le sue.quindi la rispista alla tua domanda e’ SI!

    • Ciao, l’articolo è di qualche tempo fa. La rubrica è partita ed è anche finita. Grazie del feedback comunque!

  • Pingback: ARTICOLO INTERESSANTE – NicolaRossignoli()

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni