Le cornici nella composizione fotografica: contesto e profondità

Le cornici nella composizione fotografica: contesto e profondità

In fotografia esistono diverse tecniche che si possono impiegare per rendere una foto più efficace nel comunicare un messaggio, più potente, più accattivante.

Ad esempio, è possibile usare a questo scopo la regola dei terzi, o le linee verticali, orizzontalioblique.

Un altro elemento che può essere molto efficace nella composizione fotografica sono le cornici. Vediamo in questo articolo in che modo sfruttarle e a quale scopo.

Framed! by Rishi S, on Flickr
Creative Commons Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.0 Generic License   by  Rishi S 

Che effetto hanno le cornici nella composizione?

Puoi intuire quale effetto abbiano sull’osservatore di una foto le cornici, dagli esempi presenti in questa pagina. Esse possono essere usate per diversi scopi:

  • per aggiungere contesto, mostrando elementi dell’ambiente in cui si trova il soggetto inquadrato,
  • per conferire profondità alla scena inquadrata, aggiungendo quindi un senso di tridimensionalità e inducendo l’osservatore a pensare di poter “entrare nella foto”,
  • per condurre l’occhio dell’osservatore verso il soggetto, in quanto la cornice funge proprio da “mirino” puntato verso il soggetto,
  • per indurre curiosità nell’osservatore, in quanto la cornice talvolta può occludere parte della scena, creando una sensazione di mistero.

Come introdurre cornici nella composizione di una foto

Molti elementi che possiamo incontrare normalmente nella nostra vita quotidiana possono fungere da cornice.

Quelli che si prestano naturalmente sono ad esempio finestre e porte, corridoi, tunnel e gallerie. Elementi come questi, con la loro forma circolare o a quadrilatero, creano delle cornici che circondano completamente il soggetto che vogliamo inquadrare.

Possiamo pensare ad esempio ad una persona che si trova alla fine di un tunnel o ad un paesaggio che si vede attraverso una finestra.

Le cornici, comunque, non devono necessariamente essere complete. Esse possono estendersi anche su un solo lato.

Perciò, possono fungere da cornice anche altri elementi come, ad esempio, un albero con i suoi rami, un palo, delle persone che si trovano tra noi e il soggetto inquadrato, ecc.

Ogni volta che si usa una cornice nella composizione è bene considerare se essa debba risultare sfocata oppure a fuoco come il soggetto principale.

Sfocandola, si conferisce maggiore importanza al soggetto principale, che rimane l’unico elemento ben definito della scena.

Può essere comunque utile metterla a fuoco, se si vuole far notare qualche dettaglio sulla sua natura.

Se, per esempio, usassimo il tronco di un albero come cornice e volessimo evidenziare la particolare nodosità della sua corteccia, dovremmo metterlo a fuoco.

Come esercitarsi a riconoscere e usare le cornici nella composizione

Come abbiamo visto negli altri consigli riguardanti la composizione, un buon esercizio per riconoscere il corretto uso delle cornici nella composizione fotografica è osservare con attenzione foto che ci sono piaciute e capire quale ruolo in esse è giocato eventualmente dalle cornici.

Allo stesso modo, possiamo fare un lavoro di immaginazione, analizzando le nostre foto e raffigurandoci come avremmo potuto migliorarle, sfruttando qualche elemento presente nella scena come cornice.

Infine, per impratichirsi, è bene, ogniqualvolta si scatta una foto, cercare di individuare se qualche elemento vicino a noi possa essere utilizzato come cornice, per migliorare la composizione.

Ulteriori letture

Ecco per te altri esempi dell’uso delle cornici nella composizione fotografica:

Ti consiglio anche questo video di Bryan Peterson sull’uso delle cornici: Perfect Picture Video Tips and Tutorials (è in inglese, ma guardalo fino alla fine per vedere l’esempio che dà e il confronto tra la foto con e senza cornice).

Immagine di copertina

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

  • mauro

    che me faresti na foto del sindaco del paese tuo se ci sta nella macchina?

    • Alberto Cabas Vidani

  • Franco

    Buon giorno Alberto, ho da poco comprato una nikon coolpix P 510, una bridge dalle discrete potenzialità, e attraverso il club nikon ho conosciuto il tuo sito nel quale ho trovato preziosi consigli spiegati con semplicità. Mi piacerebbe sapere come otterresti una cornice sfocata visto che con la sola profondità di campo data dall’apertura del diaframma non riesco ad ottenere risultati apprezzabili. Un saluto, Franco.

    • Alberto Cabas Vidani

      Le variabili che influenzano lo sfocato sono descritte in questo articolo: https://www.fotocomefare.com/come-ottenere-lo-sfocato-nelle-fotografie/. Prova a variare ciascuna con qualche esperimento.

      2012/11/20 Disqus

      • Franco

         Grazie per la tempestiva risposta. Si, l’articolo che mi hai segnalato lo avevo già letto, e devo dire che mi è stato molto utile per ottenere lo sfocato dopo il soggetto. Quello che mi riesce difficile è ottenerlo prima del soggetto, come nel caso di una cornice che vorrei sfocata con in mezzo il soggetto più lontano a fuoco, saluti.
        Franco.

        • Alberto Cabas Vidani

          Le “leggi” che regolano lo sfocato sono le stesse, indipendementemente dal fatto che lo sfocato debba essere prima o dopo.
          Se la cornice e il soggetto sono molto vicini (hanno distanza simile dalla fotocamera) sarà difficile sfocare solo uno dei due.
          Cerca di aumentare la distanza tra la cornice e il soggetto e diminuire la tua distanza dalla cornice.
          Guarda questa foto: http://500px.com/photo/15032899. Qui ho esteso al massimo il 18-105 e ho fotografato da dietro i rami la cattedrale che si trovava parecchio distante, almeno un km.

          2012/11/21 Disqus

          • Franco

             OK, grazie dei consigli.

  • Stefano

    Ciao Alberto, ho necessità di inserire una cornice digitale in una fotografia ma ho difficoltà nel crearle con Lightroom e Photoshop…non hai per caso un tutorial al riguardo?

    • Alberto Cabas Vidani

      Ciao, questo articolo parla di cornici da rintracciare in una scena ed usare nella composizione. La tua domanda è fuori tema.
      Comunque non ho mai fatto un tutorial su questo argomento. Ti consiglio di usare il modulo Stampa di Lightroom o il plugin LR Mogrify (se non sbaglio). Ne hanno già discusso sul forum: https://www.fotocomefare.com/forum-fotografia.

      • Stefano

        Ti ringrazio!!

  • Pingback: Analizzare foto eccezionali per diventare fotografi eccezionali()

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni