Usare le linee verticali nella composizione fotografica

Usare le linee verticali nella composizione fotografica

In questo articolo, vediamo che ruolo possono avere le linee verticali nella composizione delle nostre fotografie e come possiamo sfruttarle.

Ogni tipo di linea all’interno della foto induce particolari sensazioni nell’osservatore. Le verticali, solitamente, trasmettono forza, slancio, crescita.

Se le linee verticali inoltre vengono ripetute, esse danno ritmo alla foto e ne possono incrementare il dinamismo.

In una fotografia, le linee verticali possono essere individuate da elementi molto comuni quali gli alberi, le persone in piedi, gli edifici o altri elementi architettonici.

wings by aakanayev, on Flickr
Creative Commons Creative Commons Attribution 2.0 Generic License   by  aakanayev 

Come evidenziare e sfruttare al meglio le linee verticali

Quando si vogliono evidenziare elementi verticali in una foto può essere una buona idea applicare la regola dei terzi. A tale scopo è bene allineare gli elementi verticali con le linee verticali individuate dalla suddivisione in terzi della foto.

Un altro modo di rafforzare gli elementi verticali della foto è quello di utilizzare l’orientamento verticale della macchina fotografica, ovvero quello che si ottiene tenendo la macchina fotografica con il lato più corto verso il basso.

Se, al contrario, si usa l’orientamento orizzontale l’effetto che si può ottenere è quello di suggerire che le linee verticali non possono essere contenute dalla foto. Può essere anche questo un modo di conferire maggiore forza alle linee verticali.

Fare in modo che le verticali siano verticali

Quando le linee verticali assumono un ruolo importante nella composizione di una foto, è importante accertarsi che siano effettivamente verticali.

Innanzitutto, quindi, stiamo attenti che esse siano perfettamente verticali già all’interno del mirino, prima di scattare. Evitiamo, inoltre, di inclinarci all’indietro o in avanti, poiché in tal caso le linee verticali diventerebbero convergenti e quindi oblique e otterrebbero un diverso effetto.

Infine, potrebbe essere opportuno impiegare un obiettivo con lunghezza focale uguale o maggiore a 50 mm, in quanto lunghezze inferiori amplificano l’effetto prospettico, come abbiamo visto nell’articolo sulle lunghezze focali.

Esercitarsi a sfruttare le linee verticali nella composizione

Per avere a disposizione nel nostro arsenale artistico-creativo lo strumento compositivo delle linee verticali, è necessario allenarci a riconoscerle nelle scena inquadrata e ad utilizzarle appropriatamente.

Come abbiamo visto nell’articolo sull’uso delle linee diagonali nella composizione, il primo modo di allenarsi è quello di osservare foto che ci sono piaciute e capire se in queste le linee verticali giochino un ruolo fondamentale.

Allo stesso modo, possiamo riconsiderare foto poco riuscite che abbiamo scattato e valutare se e come l’uso corretto delle linee verticali avrebbe potuto migliorare la composizione.

Birch Forrest by e. david, on Flickr
Creative Commons Creative Commons Attribution-Noncommercial-No Derivative Works 2.0 Generic License   by  e. david 

Infine, è assolutamente indispensabile, ogni volta che si scatta una foto, essere sempre pronti e abituati a utilizzare eventuali elementi verticali presenti nella scena e integrarli nella composizione.

Se vuoi un po’ di esempi di belle foto che sfruttano linee verticali, ti lascio questo link: Rules of Composition: Vertical Lines

Immagine di copertina

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni