Per grandi foto di viaggio, concentrati sulle piccole cose

Per grandi foto di viaggio, concentrati sulle piccole cose

Pian piano, nella tua vita di fotografo, ti accorgi che alcune dei comportamenti più istintivi sono deleteri per la riuscita delle tue foto. Parlo soprattutto di ciò che fai quando sei un principiante assoluto.

Per quanto riguarda la fotografia di viaggio, uno di questi istinti consiste nel cercare di mettere sempre il più possibile all’interno di una foto.

In questo articolo, invece, ti voglio spiegare l’importanza e i vantaggi di catturare i dettagli, le cose più piccole, per fare più facilmente foto belle e originali.

Il problema

Pensa bene a quando non sapevi nulla di fotografia (o pensa alla tua situazione attuale, se hai appena cominciato ad approfondire l’argomento). Quante foto hai scattato a monumenti, panorami cittadini, paesaggi, stanze enormi in palazzi storici?

Lo puoi anche vedere nei comportamenti degli altri turisti. Tipicamente, di fronte ai monumenti più famosi, ci sono schiere di turisti con la fotocamera in mano che si contorcono per allontanarsi il più possibile, allargare la visuale e catturare il monumento nella sua interezza.

Senza dubbio si possono fare bellissime foto che coprono vedute molto ampie, non sto dicendo che necessariamente queste foto vengano male. Però, ci sono almeno due controindicazioni.

Innanzitutto, siccome questo è il comportamento istintivo, rischi di fare sempre le stesse foto, quelle che tutti fanno e che tu stesso hai già fatto. Se non provi a focalizzarti sui dettagli, perdi sicuramente un gran numero di opportunità fotografiche originali.

In secondo luogo, le foto che coprono un’area molto ampia non sono affatto facili da fare. Più cose introduci nella foto, più è facile includere qualcosa che la rovinerà. Per questo in fotografia spesso meno è meglio.

In particolare, nelle foto di viaggio, quando fotografi un luogo turistico, la probabilità di avere turisti, veicoli, cartelli, cassonetti e quant’altro nella foto è elevatissima.

Rischi così di trovarti a dover utilizzare qualche stratagemma per rimuoverli, come ho scritto nel tutorial: Come fotografare luoghi turistici affollati evitando i turisti.

Perché i dettagli sono belli?

Spesso, gli elementi più piccoli spiegano cose del luogo in cui ti trovi che altrimenti non vengono colte. Pensa, ad esempio, ai cibi, ai vestiti, ai dettagli architettonici.

I dettagli ti suggeriscono delle storie che danno carattere ai posti che hai visitato.

Inoltre, proprio perché istintivamente tutti trascurano i dettagli, le foto che li ritraggono hanno da subito una marcia in più. Infatti, chi le osserva si accorge che c’è qualcosa di originale e ti riconosce subito come un fotografo più abile.

Il fotografo dovrebbe essere sempre attento ai dettagli e abile nel coglierli. Il tuo occhio deve sempre essere allenato a trovare ciò che agli altri sfugge e trasformarlo in una bella immagine. Abituati a farlo anche in viaggio.

Da un punto di vista compositivo, focalizzarti sui dettagli è di grande aiuto. Ti aiuta a semplificare lo sfondo, togliendo le distrazioni che, come accennavo sopra, diminuiscono l’efficacia della foto.

Quali dettagli fotografare in viaggio?

Non essendo una cosa da subito istintiva, all’inizio puoi fare fatica a individuare le piccole cose da fotografare in viaggio. D’altronde sono piccole!

Ecco allora qualche suggerimento, così la prossima volta saprai cosa cercare:

  • dettagli architettonici, parti di edifici, di statue, elementi caratteristici delle abitazioni,
  • cibo da strada, cibo in ristorante,
  • tavole elegantemente apparecchiate in ristorante,
  • abiti tipici (anche solo loro parti),
  • veicoli o parti di veicoli,
  • animali,
  • mani che lavorano, che gesticolano,
  • prodotti come tessuti, gioielli, artigianato locale,
  • attività commerciali,
  • porte, finestre, vetrine,
  • fiori e vegetazione in generale,
  • volti, espressioni del viso,
  • gesti e interazioni tra le persone,
  • materiali, interessanti per le texture o i colori.

Quando viaggi, queste piccole cose assumono un valore maggiore perché descrivono con maggiore autenticità il posto che hai visitato.

Questi soggetti talvolta possono risultare banali, un modo per renderli più fotogenici a colpo sicuro è sfruttare la luce.

Valuta se la luce che colpisce i tuoi soggetti è bella, pensa se risulterà bene in foto e sfruttala per rendere speciali gli oggetti più banali.

Come riuscire a fotografare i dettagli

Chiaramente, se l’unico obiettivo che porti in viaggio è un grandangolare, farai fatica a focalizzarti sui dettagli, soprattutto i più piccoli. Hai bisogno di lunghezze focali più elevate.

Per questo, vale sempre il consiglio di avere con te un obiettivo tuttofare che raggiunga almeno i 70mm (come ti ho consigliato nell’articolo sugli obiettivi da portare in viaggio).

Altrimenti, se proprio escludi di usare focali grandangolari o normali, punta pure su un teleobiettivo zoom leggero, come il 70-300. Li trovi per tutte le marche di fotocamere.

Mi sono anche trovato ad usare focali più corte, come il 35mm, ma l’ho impiegato solo con soggetti statici e inanimati, come il cibo. Per fotografare dettagli piccoli di soggetti animati con un obiettivo così corto devi andare veramente vicino e disturbare.

Se vuoi spingerti in là, ti consiglio un obiettivo macro. Io possiedo e ho usato in viaggio il Tamron 60mm macro, di cui ho scritto anche la recensione. Te lo consiglio perché, oltre a creare immagini di qualità, è piccolo e leggero, ottimo per giornate in cui devi spostarti molto.

Compiti per casa

Bene, spero di averti trasmesso quanto possa essere bello e vantaggioso concentrarsi sui dettagli nelle foto di viaggio.

Ti consiglio, la prossima volta che visiti qualsiasi luogo, anche solo per una gita di mezza giornata, di sforzarti a fotografare il più possibile (o unicamente) piccole cose. Anzi, se vuoi evitare scappatoie, porta con te solamente un teleobiettivo, così paesaggi e monumenti ti saranno praticamente proibiti!

In questo modo, non solo capirai quali risultati puoi ottenere, ma ti allenerai anche a farlo al meglio.

Un ebook che può aiutarti a scattare bellissime fotografie di viaggio è Immagini Potenti, te lo consiglio se vuoi imparare molte nuove cose, da un fotografo documentarista professionista.

Immagine di copertina

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

  • Fabio Viola

    Partiro’ a breve per un viaggio in Grecia, spero di mettere a frutto i tuoi consigli :) Il mio fidato amico sara’ il mitico Canon 50 mm f/1.8… Dici che puo’ andar bene?

    Un saluto,
    Fabio

    • Alberto Cabas Vidani

      Io direi che può andare benissimo per concentrarsi sui dettagli. Su un un sensore croppato diventa abbastanza lungo.

  • Roberto Gardella

    Articolo interessante, quest’anno, in procinto di partire per la Val di Fassa che ormai ho fotografato in lungo e in largo, voglio provare a mettere in pratica i tuoi consigli. Lascerò a casa il 400mm e prenderò su solo il 16-50 e il 100 macro. Ciao, ci sentiamo sul forum al mio ritorno.

    • Alberto Cabas Vidani

      Sì, perfetto, fammi sapere cosa ne viene fuori.

  • Vito Genco

    articolo perfetto

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni