Su internet ti sarà capitato di vedere molto spesso fotografie scattate all’insaputa dei soggetti e, sicuramente, ti sarai domandato come sia stato possibile realizzarle.

In questo articolo traccerò delle linee guida per chi non ha mai provato prima la fotografia di strada, oppure ha solamente fatto qualche piccolo esperimento e vorrebbe approfondire, per aiutarti a iniziare o per migliorare il tuo stile fotografico.

La fotografia di strada è l’arte di catturare la vita, la cultura e l’umanità in modo spontaneo. E’ un tipo di fotografia affascinante e tanti fotografi sembrano esserne attratti naturalmente.

Anche senza aver mai sentito il termine “fotografia di strada”, che in un certo senso è anche un po’ impreciso, molti fotografi preferiscono puntare il loro obiettivo verso culture e popolazioni che non hanno mai incontrato prima invece che su montagne, tramonti e panorami.

Se non l’hai mai fatto prima, la fotografia di strada può sembrare molto complicata da realizzare nella pratica. Ammirarla da lontano è un conto, ma sporcarcisi le mani è tutta un’altra cosa. Però è un’arte molto divertente da praticare e che sa dare moltissime soddisfazioni.

Ecco una lista dei miei consigli preferiti per aiutarti a iniziare:

1. Non limitarti a studiare, ma esci a scattare

Operai al lavoro, Lower East Side, NYC.

Operai al lavoro, Lower East Side, NYC.

Prima di iniziare, puoi cercare tutti i consigli del mondo, posso spiegarti tutte le tecniche che ho imparato dagli altri e che, negli anni, ho trovato molto utili (e lo farò in questo articolo), ma niente ha più valore del puro entusiasmo. Non importa quanto studi, niente batterà mai l’esperienza che accumulerai andando a scattare in giro.

La fotografia di strada è una delle forme più complesse di fotografia, perché non è possibile pianificarla. Là fuori c’è tutto un mondo di contenuti e il tuo lavoro è quello di uscire e andare a scoprirlo. Dovrai sviluppare il tuo linguaggio visivo, essere in grado di notare i possibili momenti interessanti e capire come catturarli in un solo, rapidissimo istante.

Per fare questo serve fare pratica costantemente. Sono quasi 15 anni che faccio fotografia di strada e, ogni volta che mi fermo per un po’ (generalmente a febbraio, nel momento più triste dell’inverno di New York), quando riprendo in mano la fotocamera mi sento sempre piuttosto arrugginito.

Impiega il tuo tempo nell’allenarti, l’esperienza batte qualsiasi altra cosa. Goditi la sensazione di stare all’aperto, perché è necessario amare la strada per poterci passare il tempo necessario a diventare bravi.

2. Le impostazioni tecniche

Ora ti elencherò alcuni settaggi per la fotocamera più opportuni per questo genere di fotografia.

Per la mia fotocamera imposto un setup tale da quasi dimenticarmi di averla con me. Quindi sono solo io e quello che vedo di fronte a me, senza che la macchina fotografica possa essere d’intralcio.

Bergdorf Goodman, 5th Avenue, NYC.

Bergdorf Goodman, 5th Avenue, NYC.

Esistono molte diverse possibilità di setup per la tua fotocamera. Quella che io preferisco è la priorità dei tempi, con velocità dell’otturatore di circa 1/250esimo di secondo. E’ un buon punto d’inizio per essere sicuro di riuscire a catturare i tuoi soggetti congelando il movimento.

Quando c’è meno luce puoi passare a 1/160esimo, o anche a 1/125esimo. Sotto la luce del sole puoi passare senza problemi a 1/400esimo o 1/500esimo, ma 1/250esimo resta il numero da tenere a mente.

Aumenta il tuo valore di ISO. Nella fotografia di strada non c’è nessun motivo per scendere sotto ISO 400 e, anzi, quando non sei sotto la diretta luce del sole ti suggerisco di mantenerti tra ISO 800 e 3200. Il motivo è che, se vuoi scattare a 1/250esimo, vorrai anche farlo con la più piccola apertura di diaframma possibile. Quindi, per avere un’esposizione ottimale, dovrai scendere a compromessi. E ti conviene farlo aumentando il valore degli ISO.

Probabilmente ora ti starai chiedendo perché utilizzare, nella fotografia di strada, un’apertura così piccola. Ovviamente si tratta di una scelta creativa. Però a volte la luce è così bassa che devi scattare per forza con la più ampia apertura possibile.

Ci sono fotografi di strada che in tutti i loro lavori, per scelta stilistica, preferiscono la resa di una profondità di campo stretta. Però ci sono alcuni buoni motivi per cui credo che sia meglio avere un’apertura di diaframma piccola e molta profondità di campo.

Per via dell’imprevedibilità delle situazioni, non saprai mai a che distanza si troverà il tuo soggetto o se avrai tanti soggetti a diverse profondità di campo. Inoltre, se perdi il fuoco anche solo un po’, finché utilizzi una più ampia profondità di campo il tuo soggetto sarà sempre a fuoco.

Infine, il contesto è importante. Stai raccontando una storia e ciò che circonda il tuo protagonista è parte di quel racconto. Vuoi davvero sfocare tutto il tuo contesto? L’ambientazione è uno dei punti essenziali della fotografia di strada.

Greene Street, SoHo, NYC.

Greene Street, SoHo, NYC.

Per la fotografia di strada un obiettivo a lunghezza focale fissa non è fondamentale, ma può comunque rivelarsi molto importante.

Innanzitutto, gli zoom sono obiettivi grossi e pesanti, mentre un obiettivo a focale fissa è piccolo e leggero, il che rende più semplice trasportare in giro la tua fotocamera ed è molto meno intimidatorio nei confronti dei tuoi soggetti.

Inoltre, abituarti a scattare a una sola lunghezza focale, può esserti molto d’aiuto, perché ti permetterà di capire in modo molto più rapido e intuitivo come funziona la tua macchina fotografica.

Preferisco utilizzare obiettivi a focale fissa grandangolari. I 35mm e i 50mm sono i miei preferiti. Mi piace l’effetto grandangolare perché ti avvicina ai soggetti. Inoltre ti dà un punto di vista fantastico, che ti permette di ingrandire i soggetti in primo piano e includere nello scatto anche molto sfondo, che sarà proporzionalmente più piccolo.

Se usi una macchina fotografica a formato ridotto, ricordati che un obiettivo da 35mm potrebbe non corrispondere effettivamente a una full frame da 35mm, per via del fattore di crop, quindi cercane uno che sia equivalente a un 35mm.

3. Fai fotografie per te stesso

Sicuramente è importante conoscere il punto di vista di altre persone e fare attenzione a cosa piace alla gente, ma devi innanzitutto concentrarti sulle fotografie che ti piace fare. Inquadra qualcosa che ami, cerca soprattutto immagini che ti piacciano e non preoccuparti se le altre persone non le capiscono.

Se paragonata ad altre forme di fotografia, come la paesaggistica, la fotografia di strada è ancora un genere di nicchia, quindi c’è ancora molta gente che non è abituata a vederla e a comprenderla.

Realizza fotografie strane, personali, brutte, osa e tenta di catturare immagini nuove. Sii creativo e divertiti. Più le tue immagini diventeranno il riflesso della tua voce e di quello che ti piace, più miglioreranno i tuoi lavori.

Mendicante, Broadway, NYC.

Mendicante, Broadway, NYC.

4. Scatta in diversi luoghi e mostra il posto in cui vivi

Quando la gente pensa alla fotografia di strada, di solito la prima cosa che le viene in mente è un angolo della strada di New York pieno di gente. Di certo New York è una delle mete preferite per i fotografi di strada, perché offre sempre contenuti molto diversi, ma è anche una minima parte dell’intero mondo della fotografia di strada.

La fotografia di strada può, e dovrebbe, essere fatta ovunque. Può essere fatta nei bar, agli eventi, lungo le strade di campagna o in piccole città: ovunque ti venga in mente di scattare. La fotografia di strada è un modo di rappresentare la cultura e la vita. E’ un’idea, una sensazione. Non deve nemmeno contenere per forza persone, basta che ci sia la traccia della presenza di qualcuno.

Più diventi bravo nel catturare immagini legate alla tua vita quotidiana, più migliorerai nella fotografia di strada. Le tue immagini saranno più personali e uniche.

Per questo motivo ti consiglio di provare a usare una macchina fotografica più piccola, come la Fuji X100T, una micro 4/3 o una mirrorless, o persino la fotocamera di un cellulare, per quei momenti in cui non te la senti di portarti dietro la tua grossa reflex digitale.

Sono tutte macchine fotografiche con cui è molto divertente scattare tutti i giorni. Puoi portarne una con te mentre vai al negozio all’angolo, mentre una reflex più grossa e pesante sarebbe più ingombrante in quel tipo di situazioni.

5. Scegli un punto e aspetta

Canal Street, NYC.

Canal Street, NYC.

Fotografare le persone di sorpresa può intimorire. Anche a me, in certe situazioni, capita di sentirmi in imbarazzo. Una delle mie soluzioni preferite per superare questo piccolo problema è scegliere un punto e fermarmi lì per un po’. Trova un luogo in cui pensi che potrebbero succedere cose interessanti e aspetta che accadano.

Aspettando senza spostarti, passerai molto più tempo a osservare quel che ti succede intorno, invece che muoverti. Quando il momento accadrà sarai già nel posto giusto, con la tua fotocamera pronta per catturarlo.

Inoltre, in questo modo saranno i tuoi soggetti ad entrare nel tuo spazio, invece del contrario. Se cammini per strada e vedi qualcuno che vorresti fotografare, è molto difficile entrare nel suo spazio e riuscire a catturare un bello scatto spontaneo. Fermandoti e lasciando che siano loro a venire a te, non solo sarai pronto all’azione, ma ai tuoi soggetti sembrerà che tu stia semplicemente inquadrando ciò che ti circonda, includendoli per caso nelle tue fotografie.

Torna negli stessi luoghi più e più volte, in diversi momenti e con diversi tipi di illuminazione. Meglio conosci il luogo, più saprai anticipare quel che vi potrà accadere e più ti sentirai a tuo agio nel realizzare fotografie in quella zona. Anche le persone inizieranno ad abituarsi alla tua presenza lì.

Chiaramente puoi sempre decidere di spostarti per andare a cercare buoni scatti, ma io preferisco alternare le camminate a fasi di sosta in alcuni punti che conosco.

6. Il mio trucco preferito

Cortlandt Alley, NYC.

Cortlandt Alley, NYC.

Dopo aver scattato, la reazione più comune è quella di spostare immediatamente la fotocamera dal viso. Prova a fare una fotografia e te ne accorgerai subito. E’ l’indizio più ovvio che farà capire a chiunque di essere stato fotografato.

Da un lato non vogliamo usare troppi sotterfugi, dall’altro non vogliamo che tutte le persone che immortaleremo se ne rendano conto e ci vengano a chiedere cosa stiamo facendo. Quando capita, è piuttosto seccante.

Ogni volta che faccio una foto a qualcuno cerco di trattenermi dall’istinto di scostare la macchina fotografica dagli occhi. La lascio lì, ferma, mentre la persona attraversa la scena, come se volessi fotografare lo sfondo e stessi aspettando che lui se ne andasse.

Solitamente il soggetto all’inizio pensa “Ehi, quella persona mi ha fotografato!”. Ma nel momento in cui si accorge che il fotografo sta ancora puntando la macchina fotografica riprende la sua passeggiata, convinto di aver semplicemente interrotto uno scatto.

Questa strategia diventa poco efficace quando sei in una zona un po’ vuota, dove ci sono poche persone intorno. In questi casi è più difficile metterla in atto, perciò quando mi trovo in una situazione del genere cerco di puntare l’obiettivo più in alto, o a fianco del soggetto, fingendo di inquadrare un palazzo o un bello scorcio.

Faccio finta di fare una o due foto e solo all’ultimo momento punto l’obiettivo sul soggetto, in modo da includerlo nella scena, con la composizione che volevo. Faccio rapidamente la foto e sposto la macchina fotografica dal viso. Se fai tutto nel modo giusto, sembrerà che tu abbia inquadrato l’area sopra il tuo soggetto o lì vicino.

7. Non comportarti in modo invadente

Cellulari, Nolita, NYC.

Cellulari, Nolita, NYC.

Quando insegno le tecniche della fotografia di strada ai miei allievi, scopro che ci sono sempre quelli che fanno cinque, sei o addirittura dodici fotografie alla stessa persona. Se noti che una scena  migliora mentre la stai fotografando, è giusto continuare a catturarla. Ma fare troppe foto alla stessa persona può dare vita a situazioni decisamente imbarazzanti.

Fare fotografia di strada è davvero affascinante. Catturiamo e immortaliamo culture e persone. Lo facciamo perché ci piace la gente ma, sfortunatamente, anche quando lo facciamo nel modo più rispettoso possibile, c’è sempre il rischio di risultare un po’ invadenti.

L’unica cosa da fare è decidere che ne vale la pena, che la nostra passione ha una valenza tale da oltrepassare il fattore imbarazzo. Questo ovviamente comporta un certo tipo di atteggiamento.

Non hai bisogno di scattare sette fotografie a una persona, o di puntare l’obiettivo in sua direzione inquadrandola per 30 secondi di fila, seppure facendo finta di non fotografarla. Se hai bisogno di tempi simili, vai direttamente a chiederle se puoi farle un ritratto.

Scatta una o due immagini, fermati e guarda meglio cosa succede. Se la scena si sviluppa ulteriormente, abbassa per un attimo la fotocamera. Guardati intorno, fai finta di cercare un modo per inquadrare lo sfondo o di impostare i settaggi della tua fotocamera e lascia che la scena si sviluppi. Poi, mentre si concretizza l’attimo che cercavi, fai ancora un paio di scatti. Cerca di non puntare l’obiettivo verso una persona per troppo tempo.

8. Sorridi e porta con te un biglietto da visita

Skateboarder, Broadway, NYC.

Skateboarder, Broadway, NYC.

Più ti comporti in modo sicuro e naturale, meno le persone ti noteranno e si preoccuperanno di quello che fai. Se guardi i maestri della fotografia di strada noterai come molti di loro, quando sono in giro a fare fotografie, sembrino quasi invisibili.

Questo succede non tanto perché sono più veloci o silenziosi di te, ma perché si comportano come se ne avessero il diritto. Nel farlo appaiono completamente tranquilli, a loro agio. Quando le persone vedono qualcuno che fa fotografie in tutta serenità, istintivamente concludono che ne abbia il diritto.

Al contrario, quando vedono qualcuno che appare incerto e in imbarazzo, che si guarda intorno con fare sospetto, istintivamente concludono che stia combinando qualcosa di sospetto.

Ogni volta che qualcuno mi ferma per chiedermi se gli ho fatto una fotografia sorrido, gli rispondo di sì e gli dico che sono un fotografo che sta svolgendo un progetto culturale incentrato sulla vita quotidiana, spiegando che vedendo la sua figura ho pensato fosse fantastica e che sarebbe rientrata perfettamente in quello che cercavo per il mio progetto (fare complimenti funziona sempre).

Aggiungo anche che non volevo metterlo in imbarazzo, ma che è semplicemente il modo in cui è previsto che catturi le mie immagini. Porto con me dei biglietti da visita per dimostrare che sono un vero e proprio fotografo e aggiungo che se mi lascerà un indirizzo email gli manderò la foto.

Dopo questa spiegazione, se la persona sembra ancora molto in imbarazzo, mi offro di cancellare la fotografia.

Nella mia vita mi sono ritrovato a dover cancellare delle fotografie solo un paio di volte, dopo averne espressamente avuta richiesta, da parte di due persone molto gentili. Non mi è mai capitato di dover gestire situazioni o persone violente.

Ovviamente questo non significa che non sia capitato ad altri. Quindi assicurati di scegliere le persone che fotograferai con saggezza, magari evita di inquadrare persone che sembrano nel mezzo di una pessima giornata, arrabbiate o depresse. Sono proprio le situazioni in cui ti potrebbe capitare di metterti nei guai, perciò cerca di fare una selezione oculata.

9. Cattura immagini prive di persone

Impalcatura, Broadway, NYC.

Ponteggio, Broadway, NYC.

Di solito, quando si parla di fotografia di strada, la prima cosa che viene in mente è un’immagine che mostra una persona dall’aspetto interessante che cammina per strada. In realtà questa è solo una parte della fotografia di strada.

Puoi provare a inquadrare solo gli ambienti, per esempio. Mostra la gente e la sua cultura in modi diversi dal semplice inquadrarle direttamente. Trova la maniera di raccontare storie, catturare idee, sensazioni ed emozioni in un’immagine. Fotografa in luoghi che altri non penserebbero mai di fotografare.

10. Cattura le espressioni

Una delle capacità che caratterizzano tutti i grandi fotografi è quella di saper catturare le espressioni della gente. Si applica sia alla fotografia di strada che ai ritratti. Cerca di immortalare le emozioni delle persone.

Sembrano felici, tristi, pensierosi o arrabbiati? Cerco di guardare sempre gli occhi dei miei soggetti e prima di scattare aspetto che il loro viso rifletta qualcosa dei loro pensieri. Spesso non emerge lo sguardo che cercavo, ma quelle poche volte in cui capita sono pronto per catturarlo.

Essere in grado di notarlo e catturarlo è una delle cose più difficili che esistano e viene con il tempo e tanta, tanta esperienza. Impegnati molto e inizia ad allenarti!

Studente, Broadway, NYC.

Studente, Broadway, NYC.

11. Modifica e metti in sequenza le tue fotografie

Per avere successo, la postproduzione è tanto importante quanto l’atto stesso di uscire a fare fotografie. Scarica Lightroom e impara a usarlo, poi impara a organizzare bene le tue foto.

Segno le mie foto migliori con tre e cinque stelle, per scegliere tra loro quelle buone e le più belle del giorno. Passa molto tempo a rivedere le tue foto e riduci il loro numero selezionando solo le migliori.

Inizia a raggrupparle. Cerca di capire quali foto funzionino meglio insieme e perché. Cosa stai cercando di dire e di mostrare? Una sequenza delle tue immagini può creare una narrazione interessante? Usa Lightroom per raggruppare le tue foto senza aver bisogno di spostarle nelle cartelle del tuo computer.

Nel tempo inizierai a notare temi comuni, idee che continuano a presentarsi nei tuoi lavori. Tutto questo ti aiuterà a capire quali sono le tue foto migliori.

In questo modo riuscirai a migliorare rapidamente i tuoi scatti. Più tempo passerai a organizzare i tuoi lavori e riflettere sulle tue fotografie, più sarai sintonizzato con queste idee quando sarai fuori a fotografare, notando più facilmente immagini che si incastrano bene con altre già raccolte. E’ un ottimo modo per sviluppare una tua “voce” fotografica.

12. Guarda i lavori di altri fotografi

Passa molto tempo a esplorare anche i lavori di altri fotografi. Ti aiuterà non solo ad allenare il tuo sguardo, ma ti darà anche tante nuove idee a cui ispirarti. Presto si trasformerà in un esercizio di riflessione. Come fotografo, non devi inventare nuovamente la ruota.

Prima di noi è già stato fatto tantissimo da fotografi che hanno trascorso interi decenni a scattare fotografie. Quello che hai bisogno di capire è come dare alle tue immagini un taglio moderno e personale.

Concentrati sia sui fotografi moderni che sui maestri di fotografia più classici. Guarda sia i lavori che ritraggono angoli di strade affollati che quelli che immortalano paesini tranquilli. Accogli tutto, soppesalo e valuta a cosa tu ti senta più legato, partendo da lì per costruire i tuoi lavori.

13. La perfezione è sopravvalutata

Greene Street, SoHo, NYC.

Greene Street, SoHo, NYC.

Come fotografo, dovrai diventare tecnicamente abile con la tua fotocamera. Dovrai imparare a scattare fotografie nitide e con belle composizioni e a confrontarti con diversi tipi di illuminazione. E’ fondamentale per la tua crescita, come lo è per un pittore imparare i fondamenti dell’arte prima di poter imboccare la propria via, artisticamente parlando.

Una volta che l’avrai fatto ti inizierai a rendere conto che la perfezione, in un’immagine, a volte è sopravvalutata.

Le tue fotografie non dovranno essere perfettamente nitide o con una composizione perfetta. A volte un errore tecnico può rovinare un’immagine, ma altre volte sarà il centro fondante di una fotografia.

Ogni immagine è completamente diversa e funzionerà per motivi totalmente a sé.
E’ chiaro che è diverso quando una foto risulta rovinata tecnicamente perché il fotografo non aveva la minima idea di cosa stesse facendo, rispetto a quando succede per via della situazione che gli si è presentata.

Se guardi i lavori di Garry Winogrand noterai che molte delle sue immagini non sono bilanciate bene. I fotografi moderni hanno la tendenza ad appiattirle un po’ di più in postproduzione, ma quando guardi all’insieme dei lavori di Winogrand ti rendi conto che quella scelta stilistica aggiunge alle sue immagini un senso di spontaneità unico, che in realtà migliora i suoi scatti.

Divertiti. Pensa alla fotografia di strada come fosse il jazz e non cercare di rendere perfetta ogni cosa. Improvvisa e fai esperimenti, cerca di capire come trovare e catturare momenti intimi ed interessanti.

Articolo di JAMES MAHER liberamente tradotto dall’originale: http://digital-photography-school.com/an-introduction-to-street-photography-for-new-photographers/