La fotografia di paesaggi: un ebook per rendere le cose facili

La fotografia di paesaggi: un ebook per rendere le cose facili

Se qualcuno volesse fare una statistica, probabilmente scoprirebbe che un’altissima percentuale dei fotografi comincia con la fotografia di paesaggio. Si tratta di un ottimo genere fotografico da cui partire.

Non servono modelli, né attrezzature particolarmente sofisticate. Per molti basta uscire a fare una passeggiata o fare un breve tragitto in auto.

Nonostante i presupposti siano abbastanza semplici, appena vuoi evolverti dall’eseguire semplici istantanee e fare vere foto, devi imparare come muoverti. Cercando su internet o chiedendo in giro, non è difficile fare tanta confusione. Cosa è veramente importante per fare belle foto di paesaggio?

La fotografia di paesaggi, di Alessio Furlan, è un ebook che risponde a questa domanda e ti aiuta a fare chiarezza. In questa recensione ti spiego come.

screenshot.13

Cosa imparerai da questo libro?

L’ebook vuole essere una guida completa e autocontenuta. Sostanzialmente, tratta tutti gli aspetti della fotografia di paesaggio che ti possono interessare se sei un principiante: dall’approccio mentale, all’attrezzatura, alle impostazioni della fotocamera, a composizione ed esposizione.

La fotografia di paesaggi si apre in maniera interessante, con un capitolo che identifica le tre principali difficoltà della fotografia paesaggistica. Non si tratta di difficoltà legate alle tue abilità, ma piuttosto alla percezione, alle caratteristiche peculiari di un soggetto che non può essere controllato e alle limitazioni dell’attrezzatura.

Ho trovato questo capitolo molto interessante, oltre che condivisibile, perché chiarisce da subito alcuni concetti da tenere bene al centro del discorso.

Anche il secondo capitolo, sulla scelta dell’attrezzatura, è per me molto condivisibile. Qui si parla di quali caratteristiche debbano avere le fotocamere e gli obiettivi. Vengono anche menzionati alcuni accessori utili o indispensabili.

La cosa importante è che, giustamente a mio parere, i consigli sono molto “rilassati”. L’autore non si dilunga su specifiche tecniche e test di laboratorio, ma ti dà le linee guida generali per scegliere l’attrezzatura corretta. In generale, cerca di mantenersi ragionevole e di considerare che il tuo budget non è infinito.

Da questo capitolo, comunque, non aspettarti una trattazione dettagliata di modelli e caratteristiche. Soprattutto per quanto riguarda il treppiede, che comunque è un accessorio indispensabile, non si scende troppo nei dettagli. Lo spazio più lungo è dedicato a fotocamere e obiettivi.

Il terzo capitolo ti parla delle “quattro cose che contano”, quattro cose che devi sapere per ottenere ciò che vuoi dalle tue foto di paesaggio. Anche qui, come per l’attrezzatura, l’approccio è semplificato ma non approssimativo.

Spesso, cercando informazioni su internet o dagli amici fotografi, è facile avere una grossa confusione in testa. Questo approccio è per me molto apprezzabile perché sostanzialmente dice: “Dimentica tutto il resto: focalizzati a fare bene queste quattro cose e saprai ciò che ti serve nella maggior parte dei casi”.

Trovo che questo sia ciò che serve ai fotografi principianti: concentrarsi sulle abilità principali da sviluppare per fare il salto di qualità nella maggior parte delle foto. Poi, quando avrai esperienza, andrai a lavorare sui dettagli e ad apprendere tecniche “di nicchia” o avanzate.

Questo terzo capitolo di La fotografia di paesaggi è coadiuvato da due “workshop”, due esempi di foto dell’autore in cui ti viene proposto un processo decisionale da seguire quando decidi come impostare la fotocamera per scattare la foto. Seguendo lo stesso processo per le tue foto, avrai una guida passo passo da seguire per non saltare o sbagliare decisioni importanti.

Il quarto capitolo parla di creatività ed in particolare di:

  • scelta del soggetto,
  • scelta della luce,
  • composizione.

Per ciascuno di questi aspetti viene dato qualche suggerimento, non aspettarti una trattazione completa. Si tratta comunque di suggerimenti importanti, soprattutto riguardo alla composizione.

L’ultimo capitolo, il quinto, affronta un tema di cui non avevo ancora letto. Si parla infatti di due tipi di composizione, statica e dinamica. Vengono forniti esempi di entrambe e suggerimenti su cosa includere nella foto per ottenere composizioni dei due tipi.

Per chi è questo libro?

Decisamente, La fotografia di paesaggi è pensato per il fotografo principiante che vuole dedicarsi alla fotografia di paesaggio. Un principiante trova indicazioni su tutto quello che gli serve, come hai visto nella sezione precedente.

L’approccio semplificato , concentrato sulle cose fondamentali, senza perdersi nei dettagli, evita la confusione che spesso si crea nella testa dei principianti. Ti permette di avere un percorso preciso da seguire per cominciare subito a fotografare.

Sostanzialmente, come era accaduto nel caso di Esposizioni lunghe con filtri neutri: la guida, se sei un principiante della fotografia di paesaggio, puoi comprare questo ebook, procurarti l’attrezzatura se non ce l’hai già, e cominciare a fotografare. Non ti servirà altro.

Le uniche conoscenze che devi acquisire da qualche altra parte sono le basi della composizione e le basi del triangolo dell’esposizione. Le puoi imparare anche su questo sito, prova a partire da questa pagina.

Conclusioni

Di La fotografia di paesaggi ho sicuramente condiviso e apprezzato l’approccio di base. Non c’è nessun tentativo di rendere le cose più difficili di quello che sono, non viene mai detto: “Devi avere esattamente questo costoso obiettivo” o “Devi fare questi calcoli precisi per la profondità di campo”.

L’autore riconosce che, grazie ai progressi delle attuali tecnologie, non è difficile fare foto che ci soddisfano. Basta imparare bene i fondamentali che vengono menzionati nel libro.

Ovviamente, tutto ciò vale se sei un principiante. Se hai già esperienza nella fotografia di paesaggio, la lettura di questo ebook probabilmente ti lascerà deluso.

Per acquistare l’ebook, clicca qui: La fotografia di paesaggi.

Dal 1° gennaio 2015 la nuova normativa europea sull’e-commerce diretto prevede l’applicazione dell’IVA con l’aliquota del paese dell’acquirente. Di conseguenza l’imposta viene calcolata, ed aggiunta, in base al paese di residenza indicata in fase di acquisto ed i prezzi indicati IVA esclusa.

Modalità di pagamento e consegna

Puoi pagare con bonifico o con Paypal:

Che cos'è PayPal

Una volta effettuato il pagamento, ti verrà fornito il link per scaricare l’ebook.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque. Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un'intera redazione. Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.