Cos’è Magnum per un fotografo?

Non è una pistola.

E non è nemmeno un gelato.

Magnum è stata e probabilmente è la più famosa e la più influente agenzia fotografica al mondo. Anzi, non solo un’agenzia, bensì una cooperativa di fotografi.

Magnum rappresentato nel tempo moltissimi (quasi tutti si potrebbe dire) tra i fotografi che più hanno segnato la storia della fotografia: Robert Capa, Henri Cartier-Bresson, Elliot Erwitt e Renè Burri solo per citarne alcuni.

Il maggiore punto di forza di Magnum è forse l’estrema libertà data ai suoi fotografi. I fotografi rappresentati da questa agenzia sono sempre stati liberi nella loro espressione artistica. Anche a questo sicuramente è dovuta la loro enorme influenza sul mondo della fotografia.

Magnum Magnum è un libro speciale. Per crearlo, ogni fotografo Magnum è stato incaricato di selezionare le sei migliori immagini di un altro compagno di agenzia e di produrre anche un commento. Ciò che ne risulta è un’opera monumentale, prodiga di spunti e ricca di esperienze umane.

I contenuti

Il genere fotografico affrontato dalla maggior parte dei fotografi Magnum è il reportage. Reportage di guerra, reportage che documenta la società e i tempi, reportage che segue gli eventi più importanti dell’attualità, ma anche “semplice” fotografia di strada. Più di rado sono stati approfonditi generi come il ritratto o la fotografia artistica fine a se stessa. Comunque, nelle foto di Magnum l’aspetto artistico è sempre presente.

Le 413 foto raccolte nel libro, quindi, pur appartenendo nella stragrande maggioranza a varianti dello stesso genere, non sono mai monotone. La mano dell’autore si nota sempre, traspaiono sempre la sua personalità e le sue tendenze artistiche.

Come dicevo poco sopra, per ciascuno dei fotografi raccolti nel libro sono state scelte sei foto. Per ogni autore è presente una breve biografia ma, soprattutto, un commento del collega (anche lui appartenente a Magnum) che ha scelto le foto.

Già solamente la quantità e l’innegabile qualità delle foto rendono Magnum Magnum un libro ricco e a tratti emozionante, ma i commenti dei fotografi “selezionatori” in più di un caso toccano al cuore. Qualcuno si sofferma in maniera un po’ più analitica sui motivi delle sue scelte. Altri invece descrivono il legame con il fotografo di cui hanno scelto le immagini o il legame con le immagini stesse.

Da queste “confidenze” si impara a leggere meglio l’opera del fotografo, si impara quali esperienze personali sono celate dietro una foto o dietro una sua interpretazione, si impara cosa può dare la fotografia al di là di un piacere puramente estetico.

Nessun motivo per non comprarlo

Magnum Magnum è sicuramente un testo che dovrebbe appartenere alla biblioteca di qualsiasi fotografo appassionato, di qualsiasi livello di esperienza.

Tra le pagine del libro non troverai tutorial o guide tecniche alla fotografia. Troverai i migliori esempi da studiare per carpire tutti i segreti su come la luce è stata utilizzata, sulla composizione, sul rapporto con il soggetto, sull’uso efficace dei colori e molto altro ancora. Potrai trarre ispirazione per alimentare la tua vena artistica. Troverai la motivazione, la sfida a migliorarti per cercare di avvicinarti almeno un po’ ai più grandi nomi della fotografia.

A parte questo, potrai anche emozionarti e rimanere sconvolto o disgustato da realtà che solo fotoreporter temerari e testardi hanno portato alla nostra conoscenza. E, chissà, magari scoprire che anche tu vorresti essere uno di questi.

Ci saranno sicuramente degli scatti, forse molti, che non capirai o di cui non afferrerai la bellezza. Per me è stato così.

Un motivo in più per avere sempre disponibile nella tua libreria questo Magnum Magnum: per essere spronato a imparare ciò che ti serve per comprendere anche le foto di cui ora non riesci a cogliere la bellezza e a ritornarci in futuro per scoprire come la tua sensibilità è cambiata e maturata.

Per comprarlo subito clicca sul pulsante qui sotto: