Conoscere le modalità di autofocus per evitare foto sfocate

Conoscere le modalità di autofocus per evitare foto sfocate

Prima di conoscere il mondo delle reflex, mi è capitato di fare foto che risultavano sfocate, o in cui il punto di messa a fuoco era sbagliato, e di non riuscirne a comprendere assolutamente il motivo.

Il problema principale era che la scelta della modalità di messa a fuoco era demandata completamente alla macchina fotografica. Purtroppo una fotocamera non è sufficientemente intelligente da intuire sempre la miglior strategia per la messa a fuoco. Quindi, in certe occasioni, può capitare che non ci troviamo d’accordo.

Quando usiamo la messa a fuoco automatica, gli algoritmi di messa a fuoco interpretano la scena inquadrata e valutano diversi aspetti per determinare quale punto deve essere a fuoco.

Senza addentrarci nei dettagli di questi algoritmi, possiamo dire che sono tre gli elementi che più li influenzano:

  • intensità della luce,
  • contrasto,
  • movimento del soggetto o della fotocamera.

È facile quindi immaginare che in alcune situazioni gli algoritmi possano venire confusi.

2013-09-05: (247/365) Out of Focus P1110 by lundyd, on Flickr
Creative Commons Creative Commons Attribution-No Derivative Works 2.0 Generic License   by  lundyd 

Per esempio, se fotografiamo una persona in ombra su uno sfondo luminoso, potremmo ottenere lo sfondo a fuoco e la persona sfocata.

Oppure, nel caso stessimo fotografando un soggetto immobile e, sullo sfondo si stessero muovendo degli oggetti, questi ultimi potrebbero risultare a fuoco a discapito del soggetto.

Le macchine fotografiche reflex e bridge, fortunatamente, ci danno la possibilità di avere maggiore controllo sulla modalità di messa a fuoco. Esse, inoltre, mettono a disposizione dei sistemi autofocus cosiddetti “multipunto“, che permettono al fotografo di selezionare il punto di messa a fuoco utilizzando il selettore sul dorso della fotocamera.

Le fotocamere più economiche dispongono di una decina di punti per la messa a fuoco, mentre le professionali più costose permettono di selezionare tra una cinquantina di punti diversi. Se vogliamo imparare a fotografare con maggiore consapevolezza, è necessario conoscere bene come funzionano e quando si usano le diverse modalità di messa a fuoco automatica.

Modalità singola

Nelle macchine fotografiche Nikon, questa modalità è chiamata AF-S, nelle Canon One Shot.

In questa modalità, il fotografo sceglie il punto di messa a fuoco tra quelli disponibili. Una volta premuto a metà corsa il pulsante di scatto (come abbiamo visto nell’articolo che spiegava come evitare foto sfocate), la messa a fuoco è bloccata. Ma se il soggetto inquadrato si sposta, sarà necessario focheggiare nuovamente. Si tratta della modalità che permette più controllo al fotografo, al contempo non dandogli alcun aiuto.

Quando usarla: questa modalità è consigliata ogni qualvolta fotografiamo soggetti immobili: nature morte, ritratti, paesaggi, ecc. In questi casi il rischio che il soggetto si sposti è praticamente nullo e poter controllare con precisione il punto di messa a fuoco può essere indispensabile per fare una foto corretta (come abbiamo visto, ad esempio, nell’articolo sui consigli per i ritratti). Al contrario, se il soggetto o i soggetti sono in movimento, usare questa modalità rischia di farci sfuggire alcune occasioni per scattare foto.

Modalità continua

Nelle Nikon, questa modalità è indicata come AF-C. Nelle Canon è chiamata AI Servo.

Essa permette di selezionare quale punto, tra quelli disponibili, deve essere messo a fuoco, ma può correggere la messa a fuoco nel caso in cui il soggetto o il fotografo si spostino. Quindi, dopo che abbiamo premuto il pulsante di scatto fino a metà corsa, fino a che non scattiamo, la macchina può intervenire per rimettere a fuoco adattandosi alle modifiche nella scena.

Quando usarla: questa modalità torna utile quando inquadriamo soggetti in movimento come animali, bambini, atleti. Usando questa modalità, potremo cambiare l’inquadratura in maniera da mantenere il punto di messa a fuoco sul soggetto scelto e la fotocamera continuerà a mettere a fuoco finché non premeremo il pulsante di scatto fino in fondo.

Modalità automatica

Nelle macchine fotografiche Nikon, questa modalità è chiamata AF-A, mentre nelle Canon è chiamata AI Focus.

È la modalità che probabilmente troveremo impostata la prima volta che accendiamo la macchina fotografica, quindi quella che useremo nelle nostre prime foto. Essa decide automaticamente quale tra le due modalità precedenti utilizzare: se il soggetto è fermo, la modalità a singolo punto, se il soggetto si muove, la modalità continua.

Quando usarla: la modalità automatica non è solamente per i principianti. Grazie all’efficacia degli algoritmi interni alla macchina fotografica, nella maggior parte dei casi essa compie la scelta giusta. Potrà però accadere che ci troviamo in situazioni in cui la modalità automatica fallisce ed otteniamo risultati indesiderati. In tal caso, valutiamo a quale delle oltre due modalità ricorrere.

Conclusioni

Nella maggioranza delle situazioni potremo usare tranquillamente la modalità automatica. Stiamo però attenti a posizionare con cura il punto di messa a fuoco tra quelli disponibili.

Questo articolo ti ha aiutato a comprendere i meccanismi della messa a fuoco? Hai altri dubbi a riguardo? Condividili inserendo un commento qui sotto .

Lettura ulteriore:

Understanding camera autofocus: http://www.cambridgeincolour.com/tutorials/camera-autofocus.htm

Immagine di copertina

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

  • massi.979

    molto interessante…grazie!

    • Alberto Cabas Vidani

      Di nulla, approfondirò questo argomento la prossima settimana.

  • papa cinquantasette

    molto bene; grazie

  • Mattia Franco

    ma è possibile poter utilizzare più punti di messa a fuoco nella modalità automatica?
    perchè io nella mia reflex c'ho provato molte volte ma non ci sono riuscito
    sicuramente tu mi potrai dire perchè

    • Alberto Cabas Vidani

      Non sono sicuro di aver capito la domanda. Se vuoi sapere se è possibile avere più punti su cui la fotocamera mette a fuoco contemporaneamtente, la risposta è no. Questo è fisicamente impossibile. Una volta scelto un punto di messa a fuoco nel mirino, la macchina rileverà in corrispondenza di quel punto qualcosa che stai inquadrando e lo metterà a fuoco. Tutti gli altri oggetti alla stessa distanza risulteranno a fuoco (perchè appartengono allo stesso piano di messa a fuoco). Potrebbe quindi capitare che altri punti individuino oggetti appartenenti al piano, ma sostanzialmente tu puoi selezionarne uno solo e gli altri seguono.
      Se invece il tuo problema è che non puoi scegliere il punto di messa a fuoco tra quelli disponibili, allora devi intervenire sull'area di messa a fuoco, non sull modalità di messa a fuoco. Su quest'argomento pubblico un articolo settimana prossima.
      Scusa la prolissità, spero che almeno una parte di quello che ho scritto ti sia utile.
      Se ti interessa approfondire i piani di messa a fuoco: http://fotografia.pastrugni.com/articoli/fuoco.ph

  • Elisa

    Io ho una panasonic G3, ma nel menù per la messa a fuoco ho solo la modalità AFC e AFS, oppure manuale da impostare con la rotazione della ghiera.. quella automatica dove la trovo?

    • Alberto Cabas Vidani

      AFC e AFS sono automatiche. AF sta per autofocus

  • Enrico Giudici

    Ti ho casualmente incontrato in rete da pochi giorni e mi sono gia’ fatto un piccolo archivio dei tuoi interessantissimi e esaustivi articoli.Per molto tempo,soprattutto per pigrizia,ho molto trascurato l’aspetto tecnico della fotografia e sei riuscito a farmene vergognare:grazie!Ciò premesso,non ho ben capito il concetto della SELEZIONE del PUNTO AUTOFOCUS.Cosa intendi esattamente quando dici”posizionare con cura il punto di messa a fuoco tra quelli disponibili,,? E’meglio la selezione automatica o il punto centrale,sono ugualmente affidabili,come copertura focale dell’intera immagine un solo punto non è rischioso?
    Scusami per la prolissità e ancora GRAZIE!

  • vittorio scarselli

    Molto chiaro e quindi molto utile. Grazie

  • Pingback: Primi scatti – Cisita Design()

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni