Ti è mai passata per la testa questa domanda: dovrei scattare in bianco e nero?

Penso che ogni fotografo abbia dovuto affrontare questa decisione. E molte persone oggi, in questo mondo digitale, dicono a se stesse “Posso sempre convertire in un secondo momento”.  Ma la verità è che a volte ti aiuterà nella visualizzazione della fotografia finale, immaginarla in bianco e nero al momento dello scatto.

Forse, potrebbe servirti filtrare l’immagine, otticamente o elettronicamente: un filtro rosso per scurire il cielo, un filtro verde per schiarire il fogliame, uno giallo per schiarire la pelle di una persona.

Un altro punto importante da considerare è il valore tonale. Il valore tonale del soggetto potrebbe influenzare come lo inquadri. Che cosa si intende per valore tonale? Se il soggetto ha come colori predominanti verde e blu, ed hanno lo stesso valore riflessivo, risulteranno quasi dello stesso valore tonale in bianco e nero. Se vuoi approfondire i concetti relativi al colore, ti suggerisco di leggere La teoria del colore.

Come si impara a vedere i valori tonali?

Tornando ai vecchi tempi (quelli della pellicola) questo era un trucco che eravamo abituati ad usare. Trova un pezzo di vetro scuro. Gli occhiali da sole vanno bene, ma dovrebbero essere molto scuri e senza tinta.

Chiudi un occhio e guarda attraverso gli occhiali con l’occhio aperto. Gli occhiali rimuovono efficacemente tutti i colori. Stai ora vedendo la scena in valori tonali (livelli di chiaro e scuro).

Quali soggetti gridano “bianco e nero”?

Esaminiamo alcune situazioni fotografiche e vediamo perché averle in bianco e nero è una scelta eccellente.

Quando la situazione ha uno sgradevole bilanciamento del colore

Questa opportunità fotografica è estremamente interessante. Ma si tratta di una impostazione di fabbrica. Il bilanciamento del colore presente in questo tipo di situazione non è l’ideale.

Probabilmente c’è una luce fluorescente o un’illuminazione a vapori di sodio. Entrambi i casi creano dominanti di colore innaturali nell’immagine.

È vero, potresti impostare adeguatamente il bilanciamento del bianco. Ma se stai utilizzando un flash questa operazione renderà sbagliata la temperatura colore del flash. Potresti risolvere con i gel e molto lavoro, ma diventa complicato.

Ciò che rende questa scena perfetta per il bianco e nero è l’azione. Eliminando il colore, dirigi l’occhio al motivo ripetuto delle mani e qui sta il vero interesse della fotografia. Poi, il resto dell’immagine diventa una parte secondaria della composizione.

La scelta del bianco e nero per l’immagine prende questa situazione ordinaria e la trasforma in un elemento grafico.

Quando non c’è molto colore da principio

A volte, ci troviamo in situazioni in cui semplicemente non c’è molto colore attorno: una giornata di nebbia, un giorno coperto, una scena che è tutta bianca, una scena che è tutta nera, una scena che è tutta di un colore, un scena che ha un eccessivo contrasto.

L’immagine qui sopra è un esempio perfetto di bianco e nero, crea un forte impatto visivo, mentre una versione a colori avrebbe distratto dall’uomo. Il forte contrasto del bianco e nero attira l’attenzione sull’uomo in primo piano. Il suo volto diventa il punto focale.

Gli edifici, (nonostante le loro forme insolite), sono punti secondari di interesse. Se questa fosse stata a colori, le forme degli edifici, in combinazione con i loro valori di colore, sarebbero state in competizione con l’uomo, producendo un’immagine senza un forte punto di riferimento.

Quando vuoi sottolineare un motivo ripetuto

Quando elimini il colore, la composizione tende a concentrarsi maggiormente sui motivi, le forma e il tono. Se sei incuriosito da un soggetto che presente un motivo ripetuto, considera il passaggio al bianco e nero, soprattutto se il colore del soggetto ha poco a che fare con ciò che stai cercando di dire.

Per enfatizzare i tratti del viso

Nulla rende giustizia ad un volto interessante più di un’immagine in bianco e nero attentamente elaborata. La natura stessa del mezzo enfatizza la pelle e la trama dei capelli. Gli occhi del soggetto diventano sfere tonali che penetrano l’attenzione degli spettatori.

In uno scatto come questo, immagina che la felpa che l’uomo indossa sia rossa. Saresti propenso a studiare il suo volto così attentamente come in bianco e nero?

No. Considera il soggetto, considera quello che stai cercando di dire, l’intento, lo scopo che c’è dietro la foto, come insegna Michael Freeman nel suo libro La mente del fotografo

Forti elementi grafici

Siamo sicuri che alcune persone possano guardare questa foto e dire che sarebbe altrettanto forte a colori. Ma prendi in considerazione questo: come sarebbe se le strisce scure sulle scale fossero in realtà gialle come misura di sicurezza?

Come sarebbe se la donna indossasse i jeans e un cappotto blu, e, l’uomo indossasse calzoncini verdi e una giacca nera, pensi che questa immagine avrebbe lo stesso effetto?

No, certo che no, non nel senso grafico mostrato dalla composizione di questa immagine in bianco e nero. Questa immagine non tratta di due persone che camminano lungo una scalinata. Questa immagine riguarda le linee delle scale, le ringhiere e le pareti, la giustapposizione delle forme dei corpi completamente nere contro tali elementi.

Quando hai forti elementi grafici nella composizione, considera di neutralizzare il colore. Il colore può semplicemente diventare una distrazione. (A questo esempio particolare è stata aggiunto una dominante tonale, ma il concetto rimane.)

Soggetti ad elevato contrasto

woman

A volte si incontrano soggetti ad alto contrasto. Forse stai fotografando un edificio nel sole di mezzogiorno o, come in questo esempio, il soggetto stesso suggerisce l’alto contrasto.

La donna in questo ritratto aveva i capelli nerissimi e gli occhi così scuri che erano quasi nero pece. Il fotografo poteva elaborare la foto con un normale livello di contrasto, ma ha deciso di mettere in evidenza le sue belle caratteristiche attraverso l’uso di un elevato contrasto.

Situazioni di alto contrasto tendono a produrre immagini a colori deboli. La fotocamera ha difficoltà a registrare un colore accurato e gradevole quando i toni medi di un soggetto sono mancanti.

L’uso dell’alto contrasto in bianco e nero ha trasformato questa testa qualsiasi in un’affermazione artistica.

Riassumiamo

Considera la conversione in bianco e nero se:

  • c’è un colore inusuale o sbilanciato nelle sorgenti di luce,
  • di partenza la scena non mostra colori piacevoli,
  • vuoi enfatizzare motivi che si ripetono,
  • vuoi enfatizzare tratti del viso che hanno carattere,
  • vuoi catturare forti elementi grafici e farne il centro dell’immagine,
  • scegli, o sei messo in difficoltà da, uno scenario ad alto contrasto e ciò comporta un vantaggio creativo.

Spero che tu sia ispirato da queste parole e che creerai delle foto in bianco e nero da far perdere la testa!

E se lo fai, inseriscile poi nella sezione di critica foto del forum.

Articolo liberamente tradotto dall’originale When a lack of color is the perfect answer, di .

Fammi sapere se ti piace questo esperimento di pubblicare articoli tradotti, ne ho già selezionati parecchi altri da tradurre.