Che rapporto c’è tra lunghezza focale e prospettiva?

Che rapporto c’è tra lunghezza focale e prospettiva?

Se ti interessi di fotografia da un po’, sicuramente avrai già letto e sentito parlare di questo argomento. In caso contrario, è sempre il momento giusto per approfondirlo.

Quando non si ha alcuna esperienza, è facile illudersi che zoomare (ovvero cambiare lunghezza focale), serva solo a ingrandire o rimpicciolire gli oggetti inquadrati.

Purtroppo questa è una delle convinzioni che spesso impediscono di avere reale controllo sulle nostre foto ed essere in grado di ottenere i risultati che vogliamo, risultati più simili a quelli dei professionisti.

Variare la lunghezza focale influenza molti aspetti di una foto.

Tra questi, uno dei più evidenti è la prospettiva (o l’effetto prospettico, ma la trovate indicata in altri modi). Generalmente, infatti, si dice che una lunghezza focale corta, grandangolare, esageri l’effetto prospettico mentre le lunghezze tele lo riducano.

Ciò, ad esempio, viene tenuto molto in considerazione nella fotografia di ritratto. Infatti per questo tipo di fotografia le lunghezze tele sono preferite, in quanto comprimono i tratti facciali, abbellendoli.

In questo articolo, vediamo in che modo cambiare lunghezza focale influisce sulla prospettiva.

Come la lunghezza focale cambia la prospettiva

In parole povere, la prospettiva è la proiezione su un piano (quindi in due dimensioni) di un oggetto tridimensionale, come lo vediamo nella realtà. Probabilmente l’abbiamo sperimentata tutti a scuola, nelle ore di disegno, quando tracciavamo un punto di fuga verso cui far convergere le linee tra loro parallele.

Nella prospettiva, le linee parallele all’osservatore rimangono parallele anche tra loro. Le linee incidenti invece convergono verso uno o più punti di fuga. Scattando una foto si verificano proprio questi fenomeni, in quanto proiettiamo su una superficie bidimensionale (il sensore e quindi l’immagine) la realtà tridimensionale.

In fotografia, si dice generalmente che le lunghezze focali più basse amplifichino la prospettiva e quindi dilatino gli spazi, mentre quelle più alte comprimano la prospettiva, riducendo anche gli spazi, ovvero avvicinando tra loro gli oggetti.

Questo effetto si apprezza quando la grandezza del soggetto in primo piano viene mantenuta costante nell’inquadratura. In altre parole, quando il soggetto occupa una porzione costante dell’inquadratura, man mano che si cambia lunghezza focale.

Per dimostrare questo, ho scattato alcune foto, cercando di mantenere costanti le dimensioni del soggetto in primo piano e la composizione fissa, cambiando però di volta in volta la lunghezza focale.

Ovviamente, per fare ciò, ho dovuto man mano allontanarmi dal soggetto. L’apertura, in tutti gli scatti, è rimasta allo stesso valore.

18mm

35mm

52mm

75mm

105mm

Tra le foto ci sono alcune minime differenze dovute al mio riposizionamento, ma non sono influenti in questo caso. La terza foto avrebbe dovuto essere a 50mm, ma non sono stato precisissimo nel ruotare la ghiera sul barilotto. Comunque ciò non costituisce un problema, ho solo voluto chiarire.

La ripetizione delle viti sullo sfondo funge da ottimo esempio per evidenziare la variazione nella prospettiva. Il soggetto la cui dimensione ho cercato di mantenere costante è il tronco sul terzo sinistro della foto.

Fai attenzione allo spazio tra i filari, man mano che si allontanano verso lo sfondo:

  • a 18mm lo spazio è molto ampio, le viti sembrano molto rade ed inoltre sembrano estendersi all’infinito,
  • a 35mm lo spazio già si riduce (d’altronde l’ingrandimento rispetto a 18mm è già doppio),
  • man mano che si aumenta lunghezza focale, le viti sembrano sempre più ravvicinate, fino a sembrare quasi schiacciate.

L’effetto di “schiacciatura” è detto compressione.

Morale della favola

L’insegnamento più utile che devi trarre da queste osservazioni è che i teleobiettivi servono a comprimere la prospettiva, mentre i grandangolari la dilatano (e i fisheye la amplificano all’ennesima potenza!).

In base a questo concetto, la prossima volta che scegli una lunghezza focale (e quindi un obiettivo, se usi una reflex) non considerare solamente quanto questa possa ingrandire o rimpicciolire il soggetto principale, ma anche quanto questa comprima o dilati gli spazi.

Comprimendo darai l’impressione di essere più dentro la scena e rinforzerai l’effetto delle ripetizioni, rendendole più dense. Dilatando invece darai più aria alla foto, creando un senso di ampiezza e respiro.

Inoltre, fotografando soggetti di grandi dimensioni, come i grattacieli, a lunghezze grandangolari, si amplifica la loro imponenza.

Imparare questi concetti, grazie agli ebook di David DuChemin (di cui ho recensito i primi due), è stato per me rivelatorio. Da allora ho scoperto quanto mi piacesse esagerare le prospettiva piazzandomi vicinissimo a un soggetto e impostando l’obiettivo a 18mm.

E ho anche impiegato sempre più spesso lunghezze focali elevate, oltre i 150mm, per proiettare gli osservatori delle mie foto dentro la scena o dare forza alle ripetizioni (come ad esempio ai profili delle auto parcheggiate), comprimendole.

Un ultimo appunto riguarda la correttezza di queste osservazioni. Esse valgono solo mantenendo costanti le dimensioni del soggetto in primo piano. Approfondiremo questo concetto in un prossimo articolo, per non perderlo, iscriviti alla mailing list, inserendo il tuo nome nell’apposito spazio in cima alla pagina.

Immagine di copertina

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

  • Massimo

    Wow finalmente mi è chiaro questo concetto. Le foto che hai fatto come esempio sono chiarissime e spiegano benissimo il concetto.

    Grazie!!! :)

    • Alberto Cabas Vidani

      Ottimo, grazie a te per avermelo fatto sapere.

  • Eziodellagondola

    scusa ma l’assunto npn mi pare corretto e perpetua una confusione purtroppo diffusa: la prospettiava è figlia del punto di vista, cioè del punto di ripresa; negli esempi riportati avviene per lo spostamento della macchina, non per il cambio di lunghezza focale

    • Alberto Cabas Vidani

      Hai ragione, però secondo me questo è uno di quei casi in cui bisogna usare un’esattezza linguistica per approssimare. Infatti, ciò che interessa a molti è capire come varia la foto mantenendo le dimensioni del soggetto, non zoomando e rimanendo fermi nella stessa posizione.

      • Paolo De Ninis

        A me sembra che l’esattezza linguistica è quella di Eziodellagondola. Se macchina e soggetto sono in posizione fissa, usare focali diverse NON cambia la prospettiva, ma riproduce solo angoli di campo diversi. Secondo me faresti bene a modificare l’articolo…

        • Alberto Cabas Vidani

          Temo di aver fatto un errore nella mia risposta. Intendevo dire che bisognava andare oltre l’esattezza linguistica.

    • Dario Padovan

      Ezio c hai perfettamente ragione, stando fermi la prospettiva assolutamente non cambia, cambiano i dettagli e basta. non e corretto spostarsi con la fotocamera.

      • Alberto Cabas Vidani

        Vale la stessa risposta che avevo dato a Eziodellagondola. A chi legge questo articolo interessa capire cosa succede se cambia lunghezza focale ma vuole mantenere il soggetto della stessa dimensione.

  • Eziodellagondola

    addendum, spiego chiaramente l’origine dell’equivoco in
    http://rete.comuni-italiani.it/forum/viewtopic.php?f=949&t=16901
     

  • Tommaso

    Mai letto un articolo più contorto ed errato di questo. Nelle tue foto la prospettiva cambia perchè cambia il punto di vista e la distanza dal soggetto, non cambia certo a causa della focale. Qualunque testo o manuale di fotografia sottolinea gia a pagina 1 come la variazione di lunghezza focale non incida sulla resa prospettica dell’immagine.

    • Alberto Cabas Vidani

      Sì, questa è una vecchia diatriba. Il problema sorge dal fatto che qualcuno parla dal punto di vista “scientifico” e qualcun altro dal punto di vista della percezione.
      Il problema è che solitamente ci si trova nella situazione descritta in questo articolo, ovvero si vuole un certo “ingrandimento” per il soggetto in primo piano e un certo aspetto per lo sfondo. In questo senso si valuta la “prospsettiva”.

  • Giacomo Lofrano

    Salve, ho trovato molto interessante l’articolo . Avendo un 50 mm f 2.8 e un 70 f4 , devo fare un ritratto (ho la possibilità di avvicinarmi e allontanarmi ) per avere la stessa inquadratura, avrò’ una Minore profondità di campo col 50 o con il 70 ?

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni