La meraviglia del banale nella fotografia di Lee Friedlander [Recensione]

La meraviglia del banale nella fotografia di Lee Friedlander [Recensione]

Io amo la street photography, la sua capacità di creare immagini efficaci a partire da situazioni cangianti e imprevedibili. Amo la sua improvvisazione ragionata e il suo creare l’ordine dal disordine.

Però, ci sono diversi ostacoli che mi impediscono di praticarla. Prima di tutto non sono mai riuscito ad avvicinare sconosciuti per strada e a scattare un ritratto “rubato”, l’imbarazzo è troppo forte. In secondo luogo, non vivo in una città e nelle vicinanze non ci sono centri abitati grandi e trafficate.

Spesso identifichiamo i migliori fotografi di strada con le grandi città che hanno vissuto e immortalato (Parigi e New York su tutte). Questo tipo di fotografia di strada metropolitana è sempre nei miei occhi e nella mia mente, ma mi manca la materia prima per replicarla, mi manca la metropoli.

Quale street photography posso fare, se abito in un micro paese e ho paura di avvicinare la gente?

Per trovare una soluzione, come sempre, mi sono rivolto ad Internet. E, in realtà, non è stato difficile trovare diversi nomi di fotografi che hanno fatto la storia di quest’arte focalizzandosi su un tipo di fotografia compatibile con i limiti che mi ritrovo.

Tra tutti questi fotografi, il primo ad aver colpito la mia attenzione è stato Lee Friedlander. Così, ho cercato all’interno della sua ampia bibliografia un libro che potesse servire a capire l’intera sua opera.

Sono stato molto fortunato. Infatti, ho trovato un volume antologico, una retrospettiva a cura del  MoMA, il museo di arte moderna di New York.

Si intitola semplicemente Friedlander ed è un libro che ti consiglio vivamente. Non si tratta solamente di un testo per gli amanti della street photography, ma per tutti quelli che amano la fotografia in quanto arte.

In questa recensione, ti voglio raccontare cosa ho imparato da questo libro, per farti capire perché la sua lettura mi ha veramente entusiasmato.

Friedlander
List Price:EUR 44,63
Price:N/A
You Save:N/A

Cosa ho imparato su Friedlander da questo libro

Da un libro così completo ho potuto trarre diversi insegnamenti sulla fotografia di Lee Friedlander. Eccoli riassunti qui sotto.

La meraviglia dei soggetti più banali

Come ti dicevo, mi sono avvicinato a Friedlander perché cercavo un modo di fare street photography senza le persone e all’interno di un ambiente che non offriva gli emozionanti spunti delle metropoli. L’opera di questo fotografo non si ferma sicuramente a questo aspetto, ma anche solo da questo punto di vista sono rimasto estremamente soddisfatto.

La maggior parte delle foto di Friedlander ritrae oggetti e scene estremamente banali, le cose davanti a cui tutti passiamo ogni giorno senza porvi minimamente attenzione: una vetrina, i segnali stradali, alberi e cespugli e così via. Attraverso il suo occhio acuto e ironico, questo fotografo è stata in grado di conferire valore e importanza a tali oggetti, combinandoli in composizioni complesse e interessanti.

La sua fotografia, infatti, è probabilmente dimostrazione che l’occhio del fotografo non è un concetto campato per aria. Per essere in grado di creare immagini così potenti a partire da ingredienti così semplici, bisogna effettivamente vedere molto di più dell’uomo comune.

Composizione multilivello

Parlando ancora di composizione, le foto presenti in Friedlander si dimostrano estremamente articolate, anche di difficile lettura. Si va ben oltre la comune regola dei terzi. Oggetti distribuiti su focali differenti, riflessi e ombre si compongono come se appartenessero tutti ad un singolo piano bidimensionale e creano forme che prima non esistevano, dividono gli spazi in maniera sorprendente.

C’è sempre da ridere

Soggetti banali e composizioni ricercate sono spesso usati da Friedlander con uno scopo ironico. Il modo in cui gli elementi della scena si combinano, spesso strappa un sorriso, lascia interdetti o fa riflettere.

Ritratti molto personali

Questa attenzione alla banalità si riscontra a anche nei ritratti. Friedlander conosceva e frequentava personaggi anche famosi all’interno degli ambito fotografico, artistico e musicale. Inoltre, seguì diversi musicisti jazz per fotografarli su commissione.

I ritratti di queste persone, ricordano molto quelli di Cartier-Bresson. I soggetti sono spesso inseriti in contesti estremamente casalinghi e fotografati in pose assolutamente “banali”. Ritratti di questo tipo creano una fortissima intimità con il soggetto e sembrano portare a galla la loro anima.

Progetti che si estendono per anni

Un’altra caratteristica fondamentale del lavoro di Friedlander è il suo concentrarsi su determinati temi o determinate caratteristiche all’interno del suo foto per lunghissimo tempo. Infatti, molti di questi temi hanno portato alla pubblicazione di libri, che raccontano il lavoro di anni.

Alcune caratteristiche tipiche degli scatti di Friedlander, come ad esempio gli oggetti che ostruiscono la visuale, sono presenti trasversalmente nella maggior parte dei suoi scatti.

Leica e bianco e nero

Dal punto di vista tecnico, tutti gli scatti contenuti nel libro sono in bianco e nero. Inoltre, la maggior parte di essi è stata scattata con una fotocamera Leica e una lente 35mm. Infatti, a Friedlander piaceva sperimentare nuovi strumenti fotografici, però la maggior parte dei suoi lavori è stata realizzata con la stessa fotocamera. Solo dopo il 2000 ha cominciato a usare regolarmente con una fotocamera Hasselblad.

Un maestro della stampa

Friedlander seguiva la creazione delle sue foto in tutto il suo percorso, fino alla stampa. Negi anni, sviluppò una capacità sopraffina in camera oscura. Questa maestria permette di apprezzare dei bianchi e neri ricchi di dettagli e con tonalità molto ricche, che esprimono ottimamente il messaggio di ogni scatto.

Sempre originale

Infine, l’originalità della visione di Friedlander si dimostra pervasivamente in tutte le sue attività fotografiche. Infatti, Friedlander non si è limitato alla fotografia di strada, ma ha spaziato fino ai paesaggi. La sua estetica curiosa e talvolta bizzarra si applica anche a questi. Una dimostrazione di quanto sviluppare il proprio stile permette di creare immagini uniche in qualsiasi genere fotografico.

Il contenuto del libro

Friedlander è un libro di fotografie, quindi è prima di tutto un libro da guardare, non da leggere.

Comunque, alcune decine di pagine all’inizio sono dedicate ad una retrospettiva sull’intera vita e carriera del fotografo. È un testo approfondito, ricco di dettagli e anche avvincente di leggere. Ti permette di capire tutte le tematiche, le motivazioni, le evoluzioni dell’opera del fotografo è di contestualizzarle all’interno del suo periodo storico, all’interno della storia della fotografia.

Per rendere più chiari alcuni passaggi importanti , non mancano i riferimenti alle foto presenti più avanti nel libro. In questo modo puoi leggere meglio i vari scatti, che in alcuni casi altrimenti sarebbero molto difficili comprendere.

Terminata la retrospettiva, cominciano le foto. Si tratta di 764 scatti, che rendono il libro veramente poderoso, suddivisi in progetti o raggruppati in base alle tematiche affrontate .

Le foto sono ordinate cronologicamente e talvolta affiancate in modo da evidenziare somiglianze e contraddizioni. Questo stile di presentazione ti permette di capire veramente com’è fatta la fotografia di Friedlander.

La qualità delle stampe é assolutamente ottima. Inoltre, le generose dimensioni del libro, circa 30 × 40 cm, ti permettono anche di apprezzare stampe a tutta pagina che ti lasciano veramente a bocca aperta.

Per chi è questo libro

Come dicevo, ho comprato Friedlander pensando alla street photography e alle mie difficoltà con essa. La retrospettiva iniziale e le centinaia di foto mi hanno invece insegnato molte cose non solo sulla street photography ma sulla fotografia in generale.

Perciò, secondo me, questo libro è indicato a qualsiasi fotografo veramente interessato alla fotografia come arte.

Mi viene in mente una sola possibile controindicazione. Se sei un assoluto principiante, potrebbe essere molto difficile comprendere il valore di molte foto contenute in questo libro.

Esse non sono assolutamente convenzionali e richiedono una minima capacità di lettura. In questo caso, forse, ti conviene partire da autori più “convenzionali”, in maniera da allenare il tuo occhio. Oppure, puoi comprare questo libro è usarlo per ampliare le tue vedute con un trattamento d’urto.

Un’ultima cosa: la retrospettiva iniziale è totalmente in inglese e, che io sappia, non esiste ancora una traduzione di questo libro. Io lo dico sempre, se non sai l’inglese abbastanza da afferrare il significato di un testo scritto, stai perdendo tantissime occasioni di apprendimento e crescita.

Se Il tuo inglese è molto povero, probabilmente non riuscirai a trarre vantaggio da questa retrospettiva. Al contempo, il 99% del libro è occupato dalle 764 foto, quindi i tuoi soldi saranno comunque ben spesi.

Conclusione

Friedlander, l’avrai capito, è un libro che ti consiglio vivamente. Per me è stato di grandissima ispirazione.

Senza dubbio, ha risposto alle domande che me lo avevano fatto comprare: è possibile fare belle foto a partire da soggetti banali? È possibile fare street photography senza ritrarre la vita delle grandi città?

Immaginavo che le risposte a entrambe le domande sarebbero state affermative. Ma c’è molto di più: questo libro è la dimostrazione tangibile di come sia possibile fare arte anche in tali condizioni, lasciando un segno nella storia della fotografia.

L’importante è sperimentare, allenare il proprio occhio fotografico, osservare la realtà con ironia e creatività. Temo che il mio account Flickr, ora sarà invaso da foto di segnali stradali e vetrine…

Se ti ho convinto a comprare questo libro clicca qui sotto per acquistarlo al volo. Vale ogni singolo euro speso!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

  • Massimiliano

    Il tuo blog è una miniera di informazioni e consigli utilissimi per chi è appassionato di Fotografia… grazie davvero ! Anche io amo la Street Photography, ma non vivo in una grande eccitante metropoli e conoscere Friedlander è stata una bellissima scoperta !

    • Alberto Cabas Vidani

      Sì, Friedlander è una scoperta effettivamente bellissima!

  • Giuseppe De Marinis

    Molto utile l’articolo per me che non conoscevo questo autore. Effettivamente guardando le sue foto su internet la prima impressione è stata di foto ordinarie. Me le devo studiare.
    Anche io sono timido e vivo in un piccolo centro del sud. La gente è sospettosa e non sa che cavolo è la street photography ma ho trovato alcuni rimedi.
    1. Approfittare di occasioni pubbliche tipo sagre e feste dove c’è più gente in giro e altri hanno una macchina fotografica.
    2. Usare una piccola mirrorless come la Ricoh GR che ti permette di scattare di nascosto tenendo in una mano la macchina nelle posizioni più disparate.
    3. Chiedere il permesso a persone simpatiche per fare ritratti.
    4. Scattare a gente conosciuta come se fossero sconosciuti.
    5. Scattare a sconosciuti che prevedi saranno ben contenti di essere fotografati: sportivi, gente con abiti particolari, narcisisti ed esibizionisti, ecc.

    Insomma, bisogna arrangiarsi.

    Le mie foto, che invece sono banali sul serio, le ho scattate tutte al mio paese.
    flickr/pinodema per chi volesse darci un’occhiata.

    Ciao a tutti e grazie ad Alberto per questo articolo.

    • Alberto Cabas Vidani

      Grazie a te. Gli stratagemmi che hai trovato sono esattamente quelli consigliati da molti altri fotografi di strada esperti.

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni