Mirrorless Olympus OM-D E-M10: tutto quello che ti serve… a poco prezzo

Mirrorless Olympus OM-D E-M10: tutto quello che ti serve… a poco prezzo

Le macchine reflex ti consentono di avere una qualità fotografica ovviamente superiore a quello che può offrirti una compatta. Per poterti garantire tanta qualità, però, i limiti costruttivi non consentono di avere macchine leggere e di dimensioni ridotte, soprattutto se consideriamo anche gli obiettivi a cui è necessario accoppiarle.

Questo può essere un problema in tutte quelle situazioni in cui hai voglia di portarti dietro una macchina fotografica non ingombrante, per esempio in viaggio, o per svago o anche per non essere troppo appariscente nella fotografia di strada.

Negli ultimi anni, molte case costruttrici hanno cercato di venire incontro a questo genere di esigenze, immettendo sul mercato le fotocamere mirrorless, un giusto compromesso tra qualità fotografica e dimensioni ridotte.

Tali fotocamere si differenziano dalle reflex, sostanzialmente per la mancanza dello specchio e del pentaprisma. Questo permette di avere, appunto, dimensioni più ridotte a scapito di qualche rinuncia (come, per esempio, il mirino ottico). I costi vengono abbattuti anche montando un sensore più piccolo.

In questo articolo ti parlerò di una mirrorless di casa Olympus, spesso all’avanguardia nel trovare soluzioni fotografiche innovative, per la precisione la Olympus OM-D E-M10. Considererò la sua configurazione base, ovvero quella accoppiata all’obiettivo standard M.Zuiko ED 14 – 42mm f3.5-5.6 EZ, solitamente fornito nel kit base di vendita.

 

Come tradizione in questo genere di articoli che già ho iniziato a pubblicare, non farò una mia recensione, perché in fondo rimarrebbe solo un’opinione personale come puoi trovarne a centinaia in rete. Cercherò, infatti, di analizzare molte delle recensioni del web, “depurando” tutto ciò che può sembrare una voce fuori dal coro e mettendo l’accento su pregi e difetti che sembrano essere ricorrenti. Questo potrà servirti per avere un’opinione coerente e “impersonale”, probabilmente più utile per un eventuale acquisto consapevole.

Le caratteristiche della mirrorless Olympus OM-D E-M10

Una premessa tecnica credo sia necessaria, per conoscere nel migliore dei modi questa mirrorless di Olympus. Direttamente sul sito della casa costruttrice è possibile avere un quadro chiaro e completo.

La Olympus OM-D E-M10 è una fotocamera Micro QuattroTerzi da 16 Mpixel con numerose tecnologie sofisticate: grande mirino elettronico (da 1,44 milioni di punti, ingrandimento 1,15x, copertura del 100% e refresh rate a 120-fps), stabilizzazione dell’immagine su 3 assi, autofocus ad alta velocità, oltre a flash e WiFi integrati.

Il range della sensibilità, tenuto conto delle espansioni, offre valori da ISO 100 a ISO 25600.
Il display è un LCD touchscreen orientabile da 3 pollici e 1.037.000 punti, molto comodo per scattare fotografie creative in situazioni difficili.

Il processore d’immagine è un True Pic VII e dispone della tecnologia Adaptive Brightness che adatta automaticamente la luminosità del mirino ad ogni variazione di luce esterna. Il corpo non è tropicalizzato.

Il corpo macchina misura 119 x 82 x 46 mm. Il peso è di 396 grammi, inclusa la batteria.

Altra caratteristica interessante è la funzione Live Bulb, che consente di scattare immagini con esposizione prolungata e seguirne lo sviluppo in tempo reale sul touchscreen e nel mirino.

Molto importante anche la funzione video in Full HD ad alta definizione completa (1920 x 1080 pixel). I video Full HD 1080 in formato MPEG4 usufruiscono della stabilizzazione dell’immagine su 3 assi. Con la Olympus OM-D E-M10 è possibile anche scattare foto durante la ripresa video.

Infine la funzione Photo Story permette di scattare più foto di una scena da diversi punti di vista per combinarle in un’unica composizione. Dispone inoltre di numerosi filtri creativi preimpostati.

Per completare il quadro, in kit viene fornito l’obiettivo M.ZUIKO DIGITAL ED 14-42mm 1:3.55.6 EZ, range focale ottimale per un utilizzo standard della fotocamera.

Fanno parte del corredo anche una batteria ricaricabile agli ioni di litio (BLS-5), un caricabatteria per BLS-5 (BCS-5), tappo per corpo macchina Micro QuattroTerzi (BC-2), oculare removibile (EP-14), tracolla, Cavo USB (CB-USB6), Cavo Audio/Video (CB-AVC3), software per la gestione delle immagini Olympus Viewer 3 su CD-ROM, istruzioni, e certificato di garanzia.

Il prezzo su Amazon si aggira sui 700 euro (kit standard con obiettivo M.ZUIKO DIGITAL ED 1442mm 1:3.55.6 EZ). Solo corpo intorno ai 460 euro.

Le immagini

In questa sezione ho inserito alcune foto trovate sul web, per valutare se questa mirrorless Olympus OM-D E-M10 offre, insieme all’indubbio vantaggio delle dimensioni ridotte, anche una qualità fotografica all’altezza. Il sito di Olympus fornisce già una serie di immagini scattate con questa mirrorless, ma io ho selezionato una serie di fotografie su Flickr scattate da utenti comuni.

Non è che non mi fidi di Olympus, ma meglio avere pareri super partes…

Gisborough Priory

Jambo House

Hello

Attention

Rotterdam: Old vs. New

Whitby Abbey

Balls...

Klein Curacao Shipwreck

Araneus diadematus waiting for dinner to arrive

Ein Herr ohne Land...

morning run @Tiergarten

Alcune delle foto sopra riportate, non sono state scattate con l’obiettivo M.Zuiko ED 14 – 42mm f 3.5-5.6 in dotazione, ma era importante anche considerare altri set per evidenziarti le potenzialità della macchina.

Come puoi vedere (anche ingrandendo le immagini direttamente su Flickr), la definizione è decisamente ottima, come pure la resa in situazioni di scarsa luminosità. Riguardo la bontà dello sfocato, ovviamente dipende da molte variabili in gioco (in primis la lunghezza focale dell’obiettivo utilizzato). Ma, considerando le ridotte dimensioni del sensore, possiamo dire che la differenza con i modelli reflex praticamente non si nota.

Dicono di lui

Fatto un primo quadro della situazione riguardo questa mirrorless Olympus OM-D E-M10, mi addentro nella valutazione delle recensioni altrui. C’è da dire che, almeno in questo caso, ho trovato pareri piuttosto concordi in rete. Probabilmente il fatto che il kit standard con l’obiettivo ZUIKO 12-42 sia quello più largamente usato, ha contribuito ad “appianare” i pareri.

Partiamo da Juzaphoto  dove gli utenti elencano tra i pregi indubbiamente le dimensioni ridotte (ma c’era da aspettarselo) e il prezzo piuttosto contenuto. Inoltre trova apprezzamento anche lo stabilizzatore d’immagini a tre assi, giudicato molto efficace, oltre alla resa ad alti ISO, considerata ottima. Tra i difetti è parere comune la non eccelsa durata della batteria (intorno ai 200 scatti) e la mancanza di tropicalizzazione.

La recensione di DPhoto loda innanzitutto il rapporto prezzo/qualità. Ottima anche l’ergonomia e il design. Il sito premia anche qualità di immagine e sistema autofocus. Ha qualcosa da ridire solo sullo stabilizzatore di immagini, ma solo perché lo mette a paragone con la sorella maggiore, ovvero la Olympus EM-1 (ma stiamo parlando anche di altri prezzi…). Nota negativa anche sulla mancanza di tropicalizzazione, anche se per un uso standard va più che bene (o devi portartela in guerra?).

Saggiamente.com ne fa un’analisi davvero approfondita, mettendola a confronto anche con mirrorless della stessa fascia ma di altre case produttrici. Il titolo dell’articolo “La botte piccola con grande vino” sintetizza perfettamente le qualità di questa mirrorless.

L’autore inserisce tra i pregi il rapporto qualità/prezzo, la compattezza, lo schermo reclinabile, la messa a fuoco rapida ed efficiente, la raffica da 8 fps, il wi-fi integrato, e tesse le lodi della miriade di funzioni disponibili. Di contro, proprio un menù non propriamente intuitivo complica un po’ l’usabilità della fotocamera. Tra gli altri difetti riscontrati, la batteria con poca autonomia, i tasti funzione un po’ piccoli e una sezione video “povera” di funzioni avanzate.

Sempre interessante, poi, analizzare a fondo le recensioni su Amazon.it. Qui abbiamo a che fare con utenti che hanno realmente comprato e provato il prodotto, quindi le impressioni possono considerarsi autentiche e pertinenti.

Al momento in cui scrivo sono presenti una cinquantina di commenti e la media generale di 4,8 su 5 la dice lunga sulla bontà di questa mirrorless Olympus OM-D E-M10. Volendo andare più in profondità, nei commenti viene premiato ancora una volta il rapporto qualità/prezzo, il design vintage, la maneggevolezza, ma anche la resa ad alti ISO, lo stabilizzatore di immagini e la presenza del wi-fi.

Singolare come, l’apparente complessità del menù, venga vista positivamente da alcuni (“molte funzioni aggiuntive”) e negativamente da altri (“troppe funzioni aggiuntive”). Insomma, tutto e il contrario di tutto. Tra i difetti ritroviamo ancora la durata della batteria non soddisfacente, la mancanza di tropicalizzazione e la difficile accessibilità dei tasti funzione, controbilanciata però dalla presenza del touchscreen, che rende più immediati molti controlli.

Volendo dare uno sguardo ai siti esteri, infine, è opportuno dare risalto all’autorevole Dpreview.

Qui i commenti sono fondamentalmente entusiastici, visto che la mettono sullo stesso livello del precedente modello Olympus E-M5, da loro considerata mirrorless dell’anno. Anzi, mettendo a confronto dimensioni e prezzo, la giudicano addirittura superiore. Direi un giudizio largamente lusinghiero…

Tra i pregi, nota di merito è la grande possibilità di personalizzazione dei tasti funzione, che dà l’impressione di avere in mano una piccola reflex. Apprezzata anche la qualità del mirino che, grazie alla funzione “Adaptive Brightness”, permette di avere una luminosità sempre ottimale. Il sito sottolinea anche la grande disponibilità di obiettivi compatibili, al contrario di quello che succede per le marche concorrenti. Viene giudicata negativamente, invece, la velocità massima dell’otturatore a 1/4000, oltre alla mancanza di tropicalizzazione.

Pro e contro

Qui ti riassumo schematicamente i pregi e i difetti riscontrati leggendo le numerose recensioni on line della mirrorless Olympus OM-D E-M10:

PRO:

• Rapporto qualità/prezzo
• Linea elegante
• Compattezza
• Personalizzazione dei controlli fisici
• Touchscreen
• Display reclinabile
• Messa a fuoco rapida ed efficiente
• Stabilizzatore a 3 assi
• Resa ad alti ISO (almeno fino a 3200)
• Wi-fi integrato
• Larga disponibilità di obiettivi per il Micro QuattroTerzi
• Mirino efficiente e luminoso grazie alla tecnologia “Adaptive Brightness”
• Raffica da 8 fps

CONTRO:

• Batteria poco longeva (max 200 scatti)
• Mancanza di tropicalizzazione
• Complessità del menù
• Sezione video non eccellente
• Pulsanti piuttosto piccoli
• Velocità max di otturazione a 1/4000

Conclusioni: questa mirrorless fa per te?

Il mercato delle mirrorless ha subito una netta impennata negli ultimi anni, soprattutto per venire incontro alle sempre maggiori richieste da parte della clientela. Col tempo, quindi, è migliorata moltissimo anche la tecnologia a corredo di questi piccoli gioielli fotografici, tanto che ormai molti professionisti considerano le mirrorless un’alternativa alle reflex e non più una semplice fotocamera di scorta.

In questo scenario, quindi, diventa difficile districarsi tra funzionalità e prezzi, che talvolta hanno raggiunto e addirittura superato quelli delle fotocamere professionali.

La mirrorless Olympus OM-D E-M10 è, nel complesso di questa vasta offerta, probabilmente tra i modelli con il migliore rapporto qualità/prezzo, senza per questo cedere il passo a mancanze tecnologiche pesanti. Soprattutto il kit base venduto da Olympus, con l’obiettivo M.Zuiko ED 14 – 42mm f3.5-5.6 EZ, completa in maniera eccellente l’offerta tecnologica.

Questa mirrorless è per te se le tue esigenze sono soprattutto di leggerezza e compattezza, salvaguardando la qualità fotografica, senza dover svuotare il portafoglio. Dovresti invece puntare su altro se pensi di trovarti spesso in situazioni al limite, come fotografia notturna, intemperie e lunghe escursioni fotografiche.

Riassumendo potrei dire che la Olympus OM-D E-M10 è ottimale per tutte le situazioni “standard” riuscendo a tenere testa, da un punto di vista fotografico, a modelli mirrorless ben più acclamati e costosi.

Per acquistare subito questa fotocamera clicca il pulsante qui sotto.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Marco Morelli

Ho iniziato ad interessarmi alla fotografia molti anni fa, usando le mie foto come spunto per il mio primo grande amore: la pittura. Col tempo, poi, la fotografia è diventata la mia principale passione e il mio lavoro. Dipingere mi ha insegnato il piacere di osservare i dettagli e di cercare un significato in ciò che, abitualmente, passa nell’indifferenza della normalità. Oggi, la fotografia, la pittura, il disegno e la grafica sono solo alcuni dei mezzi che utilizzo per raccontare le mie emozioni.
Puoi seguirmi anche sul sito www.marcomorelli.eu

  • oinophilos

    La cosa che mi lascia perplesso è la scarsa durata della batteria.

    • Però facilmente risolvibile con una batteria di scorta da pochi euro ;)

  • Bruno

    Leggendo spesso i vostri articoli e/o recensioni, mi stavo chiedendo se, per i lettori che come me cercano consigli da persone appassionate ed esperte, e che non parteggiano per un Brand “a prescindere”, non era il caso – forse non c’era la possibilità – di testare una Olympus un pò più recente – visto che le ultime uscite hanno implementato numerose novità – così da facilitare chi è in procinto di fare un acquisto, visto anche che la OM D E M10 è fuori produzione ??Nel mio caso ho affiancato da qualche mese alla Nikon D 300, una OM D E M5 II.
    Grazie e complimenti, Bruno

    • Ciao Bruno, si la Olympus OM D E-M10 è stata prodotta nel 2014 e nel 2015. Anche se non viene più prodotta, sul mercato è ancora molto presente. Anche per questo motivo ho scritto l’articolo, perchè è nella situazione “ideale” per poterla comprare ad un ottimo prezzo. Però ti ringrazio per i tuoi suggerimenti, di cui sicuramente terremo conto.

  • merlin

    200 scatti? Allora il produttore racconta un sacco di balle secondo te?

    Scatto Live View
    Circa 320 immagini (50% con Live View) (utilizzando BLS‑50 e SD TOSHIBA con IS attivata, in base agli standard di test CIPA)

    Circa 750 immagini (50% con Live View) (scatto eseguito in modalità Quick sleep, secondo gli standard di test CIPA)
    – See more at:
    http://www.olympus.it/site/it/c/cameras/om_d_system_cameras/om_d/e_m10_mark_ii/e_m10_mark_ii_specifications.html#sthash.xQHx0512.dpuf

    • Balle forse no. Loro parlano di 320 scatti, ma probabilmente si riferiscono esclusivamente al numero di scatti realmente effettuati. Nell’uso pratico, al semplice scatto va aggiunto il normale uso, per esempio per accedere al menu, cambiare le impostazione, rivedere gli scatti… ecc. E tutto concorre a far scaricare la batteria. Per questo motivo non è possibile prevedere un numero di scatti standard valido per tutti, in quanto l’uso stesso della fotocamera può essere molto diverso tra una persona e l’altra (per esempio, io molto raramente riguardo gli scatti che ho effettuato, ma lo faccio solo una volta tornato a casa).

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni