La street photography non è semplice. Mette alla prova i tuoi nervi, la coordinazione fra la tua mano e i tuoi occhi, il tuo istinto. E solo Dio sa quanti “momenti” mi sono lasciato scappare, tanti da non poterli contare, ma la soddisfazione nel catturare quel preciso istante dove ogni cosa si compone nella maniera giusta fa sì che il gioco valga la candela.

Lo scopo di questo articolo è quello di fornirti dei suggerimenti per far sì che la tua fotocamera sia quanto più vicina possibile ai tuoi soggetti, senza che questi se ne rendano conto. Ovvero, insegnarti quei trucchi fondamentali per ottenere dei perfetti ritratti di strada. Certo, questo non è il solo modo di fare fotografia di strada, ma di sicuro è uno dei più effettivi. Ti aiuta a vedere il mondo che ti circonda in una maniera ininterrotta. E se per caso dovessi essere beccato, pace. Semplicemente sorridi e confessa costa stavi facendo. Sarai sorpreso di quanto comprensive siano le persone con i fotografi da strada, se sarai onesto con loro.

Giusto per la cronaca, io uso una grossa Canon SLR in primo luogo perché non posso permettermi una Leica M9 e la Fuji X100 non è ancora uscita (al momento in cui l’articolo veniva scritto), ma nonostante tutto ho sviluppato molte tecniche, durante questi anni, che mi permettono di avvicinarmi senza essere notato.

1. Come tenere la fotocamera

02-kissing_couple

La chiave per il successo è la velocità e il modo in cui tieni la fotocamera fa tutta la differenza di questo mondo. Mi piace tenere la tracolla della fotocamera intorno al mio polso, invece che al collo. Diventa molto più semplice manovrare la macchina in questo mondo e, al tempo stesso, se necessario, puoi sempre scattare dal fianco. Quando cammino lungo una strada, reggo la mia fotocamera di fronte a me, con un angolo di 45°, a metà fra l’asse orizzontale e quello verticale, con il mio dito sul pulsante di scatto. In questo modo, posso portare velocemente la macchina nella posizione ideale se noto qualcosa di spontaneo che valga la pena di essere immortalato, senza allertare i soggetti che sto fotografando.

2. Scattare dal fianco

03-hindi_paper

A meno che tu non abbia una fotocamera a telemetro davvero piccola, la realtà è che è molto semplice fotografare qualcuno senza farsi notare se non devi sollevare la fotocamera e inquadrare il soggetto nel mirino.

Il vantaggio di scattare una foto dal fianco, con la tracolla della fotocamera attorcigliata attorno al polso, è che la fotocamera stessa diventa un’estensione del tuo braccio. Non devi fotografare necessariamente ciò che hai davanti e puoi scattare di sbieco o addirittura dietro, se necessario. Questa tecnica ti permette di puntare la tua lente in qualsiasi situazione, senza essere notato, per ottenere degli ottimi ritratti. Puoi scattare dal fianco reggendo la fotocamera con entrambe le mani, ma farlo con una sola mano ti garantisce una maggiore libertà per puntare l’obiettivo in ogni direzione.

Semplicemente, tieni il tuo braccio rilassato e quindi muovi la macchina nella direzione della scena che vuoi immortalare. Se poi ne hai davvero bisogno, puoi sempre sollevare il braccio o piegare un po’ il gomito per ottenere l’inquadratura perfetta, ma con discrezione.

3. Usa un grandangolo a lunghezza focale fissa

Personalmente, preferisco un 35mm (o un 20mm su sensore “croppato”). Quando scatti dal fianco devi essere abituato a ciò che la fotocamera immortalerà, ben sapendo che non potrai guardare nel mirino. Un obiettivo a lunghezza focale fissa ti permette di fare delle ottime foto anche così e, con un po’ di pratica, questa tecnica diventerà istintiva. Il grandangolo ti sarà di grande aiuto perché ti permetterà di avvicinarti alla scena da immortalare, includendo nella stessa l’ambiente circostante e quindi catapultando l’osservatore direttamente dentro ciò che sta accadendo.

Inoltre, i grandangoli a lunghezza focale fissa sono molto leggeri e piccoli, nonché molto più semplici da manovrare e, al tempo stesso, meno vistosi degli zoom.

4. Prospettiva ribassata e leggermente in diagonale

04-vendor

Un altro vantaggio nello scattare dalla vita è che puoi immortalare i tuoi soggetti da un angolo molto basso. Personalmente, preferisco che le mie fotografie di strada siano scattate da un angolo più basso perché questo tipo di fotografia allunga i soggetti e permette di riempire con essi l’intera inquadratura. Ovviamente, questo non è sempre valido per ogni situazione, ma nella maggior parte dei casi, questa è la mia personale preferenza.

L’angolo leggermente diagonale può essere altrettanto gratificate, soprattutto per i ritratti in verticale. Esso conferisce una certa energia alla foto e ti permette di catturare un po’ dell’ambiente circostante. Questa tecnica un percorso attraverso il quale lo sguardo entra nella foto e ti trascina lì, rimbalzando fra soggetto e spazio circostante.

5. Sii un attore (ed evita il contatto visivo)

05-big_guy

Come fotografo di strada, ti tornerà molto utile imparare a recitare. Potresti, ad esempio, interpretare la parte di un turista meravigliato, intrappolato in qualcosa che accade per strada, o forse la parte di qualcuno che si è perso e si è fermato un istante per mettere ordine nei propri pensieri. Di sicuro, non devi apparire come qualcuno che sta per scattare una foto.

Mi piace interpretare la parte di quello che cammina per la strada sognando ad occhi aperti, meravigliato da ciò che lo circonda e rivolto in qualche modo verso la direzione opposta rispetto a ciò che voglio fotografare. Poi, con abilità, trovo un modo per incrociare la strada con il soggetto che ha stuzzicato il mio istinto, mentre fingo di orientarmi o di aver visto qualcosa di interessante. Il mio corpo, di solito, non è allineato con il mio soggetto, mentre invece lo è la fotocamera che tengo al fianco. Quindi scatto una foto o due, camminando come se nulla fosse.

La cosa più importante, comunque, è quella di non rivolgere mai il tuo capo in direzione del tuo soggetto o, peggio ancora, stabilire un contatto visivo con esso! C’è qualcosa di strettamente evolutivo nel contatto visivo che farà sì che tu sia immediatamente notato. Anche se fosse per un semplice istante, rovineresti la tua copertura. Piuttosto, prova a guardare “oltre il soggetto”.

6. Il “passetto”

06-hands_broadway
Alle volte, fermarsi del tutto non è un’opzione. Ma al tempo stesso, è necessario che tu sia completamente fermo per fare una foto. Non importa quanto tu sia veloce, se ti stai muovendo mentre scatti la foto, questa sarà probabilmente rovinata.

C’è comunque un movimento chiamato “stutter-step”, il “passetto” (si vede che sono un fan del basket?). Fondamentalmente, consiste in uno stop molto veloce, come se per un istante tu fossi congelato in una posizione precisa. Certamente, potrebbe sembrare alquanto ridicolo per qualcuno che ti sta osservando, ma è talmente veloce che molto probabilmente nessuno lo noterà. Una volta che avrai provato, capirai cosa intendo. E, con un po’ di pratica, ti abituerai a questo movimento.

7. Sii pronto a cambiare velocemente le impostazioni della tua fotocamera

07-locksmith_nap

Spesso, scatto in modalità manuale perché mi piace sistemare l’esposizione prima di fare questo genere di foto. Quando si è così vicini, non è possibile dire come la fotocamera leggerà una situazione e questo spesso causa foto con esposizione non corretta. Tuttavia, le impostazioni manuali hanno bisogno di molto esercizio ed esperienza, perché devi ricordare di cambiare le tue impostazioni se, per caso, passi da una via soleggiata ad una in ombra. Solitamente, preparo due esposizioni manuali per le situazioni con molta luce e quelle con poca luce e poi passo dall’una all’altra in base all’occorrenza.

Ma cosa fare se accade qualcosa di imprevisto? Mettiamo che stai camminando per una via soleggiata, le circostanze ambientali sono perfette, e poi ti giri a destra e noti una coppia di fabbri in un furgone molto scuro, uno completamente addormentato e l’altro sul procinto di accendersi una sigaretta. Qualcosa sta per accadere!

Ebbene, in questo caso, passo velocemente alla modalità a priorità di apertura sulla mia fotocamera, per la quale ho un preset preimpostato, con un valore di apertura basso. Anche se in questo modo perderai un po’ di profondità di campo, sarai comunque in grado di usare questo settaggio sia in situazioni di luce estrema sia in situazioni di forte oscurità, con una velocità sufficiente. Puoi anche farlo con lo la priorità di tempi.

8. Indossa abiti scuri

Ti aiuterà a confonderti.

9. Prepara prima il tuo sfondo

08-grand_central

Quanto segue è un po’ fuori dagli schemi o, per meglio dire, un po’ in contraddizione con quanto detto sinora, ma ci sono milioni di modi diversi per fare un’eccezionale foto da strada. In questo caso, cerca lo sfondo perfetto e poi aspetta con pazienza che la persona giusta entri in scena. Sii paziente, alle volte è necessario un po’ di tempo.

La foto allegata non è una foto ravvicinata, ma in questo caso ho aspettato per delle ore, prima che la persona giusta arrivasse e si fermasse nella posizione perfetta. Ma il gioco è valso la candela.

Questa tecnica ti permette di essere nella posizione perfetta prima ancora che il tuo soggetto entri in scena, tanto che puoi – oh mio Dio! – puntare la scena attraverso il mirino! Fai semplicemente finta di star scattando una foto all’ambiente circostante. Molti dei migliori fotografi da strada pianificano le loro foto, invece di incappare nello scatto perfetto. Trova la locazione più corretta e aspetta il momento giusto.

10. Sfumare e sgranare e bianco e nero

09-nuts

In questa foto, dato che volevo che il focus dell’immagine fosse sullo stand del venditore di noci (per enfatizzare quanto testoni fossero i turisti che discutevano a pochi passi dallo stesso) (in inglese, nuts vuol dire matto, ndr), non potevo mettere perfettamente a fuoco il gruppo in primo piano. Alle volte, in base alle circostanze, bisogna fare dei sacrifici. In questo caso, penso che la foto funzioni bene in bianco e nero.

In quanto fotografo di strada, sono molto meno preoccupato della mancata messa a fuoco o dell’effetto sgranato rispetto alla maggior parte delle persone. La verità è che non sempre la situazione è perfetta, devi essere molto veloce e non hai il lusso di usare un treppiedi. Per questo, capiterà spesso che ti troverai ad aver a che fare con foto sgranate o non perfettamente a fuoco.

11. Riempi la cornice con il soggetto (e non aver paura di tagliare)

10-hanging

La mia più grande critica la rivolgo a quei fotografi di strada che, quando trovano un soggetto estremamente interessante, cedono alla tentazione di fotografare tutto l’ambiente circostante, facendo sì che il soggetto – che avrebbe dovuto riempire l’intera foto – diventi una piccola parte del frame. Ti suggerisco di riempire completamente l’inquadratura con ciò che è davvero importante e di lasciar fuori tutto il resto. Lascia pure un po’ di spazio all’immaginazione.

Inoltre, con un obiettivo a lunghezza focale fissa e i soggetti in movimento, non sempre sarai in grado di scattare la tua foto dall’angolatura migliore. Quindi non aver paura di tagliare o di migliorare l’angolo in seguito. Questa non è una fotografia di paesaggio, dove sei sempre in grado di pianificare ogni singolo aspetto dell’immagine prima ancora di scattare. Devi abituarti ad usare lo strumento “ritaglio” in post-produzione, foss’anche per una leggera correzione.

Conclusione

Ricorda soltanto che la parte più difficile nel fare street photography è uscire di casa. Le situazioni interessanti accadono in ogni istante, intorno a te, ma c’è bisogno che tu sia lì con la tua fotocamera, pronto ad immortalarle. Quindi va là fuori e… avvicinati il più possibile!

Se ti piace la street photography, puoi imparare parecchie tecniche avanzate come quelle descritte in questo articolo nel mio ebook: I fondamenti della street photography. Clicca per comprarlo insieme all’ebook con le interviste ad alcuni fotografi di strada esperti e molto apprezzati oggi.

Articolo di James Maher, liberamente tradotto dall’originale: http://digital-photography-school.com/getting-close-and-personal-11-tips-for-close-up-candid-street-photography/