Lo sapevi che zoomando riduci il campo visivo?

Lo sapevi che zoomando riduci il campo visivo?

Cambiare lunghezza focale, ovvero zoomare, quando non si usa un obiettivo a focale fissa, non serve solo a rendere più grandi o più piccoli i soggetti immortalati.

La lunghezza focale ha infatti diverse conseguenze sull’estetica delle foto. Devi assolutamente sapere quali sono queste conseguenze se vuoi diventare un fotografo consapevole ed avere veramente il controllo sui tuoi scatti.

Abbiamo già visto quali siano gli effetti della lunghezza focale sulla prospettiva e sulla profondità di campo (cioè sullo sfocato).

In questo articolo ti mostro invece come le diverse lunghezze focali influiscano sull’angolo di campo (detto anche angolo di visuale). In parole povere come zoomare influisca sulla quantità di cose che includiamo nella foto, soprattutto sullo sfondo.

Un po’ di teoria

Per capire cos’è l’angolo di campo, pensa a come funziona la vista umana. Se osservi dritto di fronte a te, riesci a vedere tutte le cose che si trovano in un’area (che chiamiamo campo visivo) con una determinata estensione. Quando vuoi vedere qualcosa che si trova all’esterno dell’area, a destra o a sinistra, devi ruotare la testa.

Quest’area ha forma di angolo che si allarga a partire dagli occhi, perciò si misura in gradi. L’angolo di campo orizzontale (quello che si considera solitamente) di un singolo occhio umano è compreso tra 43° e 45° (vedi Wikipedia).

L’angolo di campo degli obiettivi fotografici varia a seconda della lunghezza focale. Nella tabella qui sotto, tradotta dalla pagina sull’angolo di campo di Wikipedia, puoi vedere come l’angolo di campo varia al variare della lunghezza focale. Attenzione che questi sono i valori validi le macchine analogiche 35mm e per le reflex digitali full-frame. Se vuoi rapportarli alla tua fotocamera devi conoscerne il crop factor e quindi calcolare la lunghezza focale equivalente.

Lunghezza focale (mm)

18242835507085105135180200300

AdC diagonale (°)

10084.175.463.446.834.428.623.318.213.712.48.25

AdC verticale (°)

67.453.146.437.827.019.516.113.010.27.636.874.58

AdC orizzontale (°)

90.073.765.554.439.628.823.919.515.211.410.36.87

Quello che ti interessa di più è l’angolo di campo orizzontale. Vedi che usando le lunghezze grandangolari, le più piccole, l’angolo di campo è più ampio di quello di un occhio umano. Le lunghezze tele invece, da 70mm in su, hanno un angolo di campo più ridotto di quello umano.

Infatti, puoi fare questa prova:

  • se hai una fotocamera compatta o bridge, riduci al minimo lo zoom, se hai una reflex impostala a lunghezze focali inferiori a 35mm,
  • guarda la scena di fronte a te con i tuoi occhi, con un occhio solo sarà ancora più evidente,
  • guarda la stessa scena attraverso la fotocamera.

Noterai che la visuale nella fotocamera è più larga di quella che percepisci con i tuoi occhi. Se provi al contrario con un teleobiettivo, ti accorgerai di come il campo si restringe.

Per rendere ancora più scientifica la prova, fai così:

  • inquadra un soggetto con la focale grandangolare,
  • fai caso alla larghezza del campo visivo, ovvero a “quante cose” stanno nell’inquadratura,
  • guarda lo stesso soggetto ad occhio nudo ed indietreggia finché non assume circa la stessa dimensione rispetto a quando lo stavi inquadrando con la fotocamera,
  • osserva ora quanto è largo il campo visivo, vedrai che le cose incluse sono molte di meno.

Ora continua a leggere, per verificare con i tuoi occhi come le variazioni di angolo di campo modificano una foto.

Ecco come cambia l’angolo di campo

Ho scattato alcune foto per rendere più chiaro il concetto. Usando un obiettivo tuttofare, ho inquadrato una scena a diverse lunghezze focali. Ho fatto in modo che il soggetto a fuoco fosse sempre della stessa dimensione, indietreggiando man mano che aumentavo la lunghezza focale.

lunghezza focale angolo di campo
Lunghezza focale: 18mm
lunghezza focale angolo di campo
Lunghezza focale: 35mm
lunghezza focale angolo di campo
Lunghezza focale: 70mm
lunghezza focale angolo di campo
Lunghezza focale: 70mm
lunghezza focale angolo di campo
Lunghezza focale: 105mm

Tutte le foto sono così come appena uscite dalla fotocamera, non ho applicato alcuna elaborazione.

Come vedi il, cartello di divieto d’accesso (il mio soggetto) è quasi della stessa dimensione in ogni foto e si trova all’incirca nello stesso punto dell’inquadratura. Al contrario, la porzione di sfondo visibile diventa via via minore man mano che la lunghezza focale aumenta.

Quindi, se vuoi occupare una certa parte dell’inquadratura con il soggetto, hai due opzioni:

  • ti avvicini fisicamente, usando una focale corta, includendo così più sfondo,
  • ti allontani, usando una focale più lunga, includendo così meno sfondo.

Tutto chiaro?

Capire l’effetto della lunghezza focale sull’angolo di campo è fondamentale se vuoi diventare un fotografo migliore. Infatti, lo sfondo nella composizione fotografica è fondamentale quanto il primo piano. Ora sai come controllarlo semplicemente zoomando o cambiando obiettivo.

Ora ti è chiaro come cambia l’estetica della foto aumentando lunghezza focale? Se hai dubbi, scrivili nei commenti e sarò felice di risponderti.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Autore: Alberto Cabas Vidani

Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per divulgare la fotografia digitale. Ho fatto in modo che gli articoli su questo sito riuscissero sempre a insegnare o ispirare, usando un linguaggio comprensibile a chiunque.
Ora FotoComeFare è uno dei siti più visitati (se non il più visitato) tra quelli che insegnano la fotografia in Italia. Da un blog con un solo autore (me stesso), è diventato un sito con un’intera redazione.
Spero di poter continuare su questa strada e di continuare ad aiutarti a comunicare con le migliori foto possibili.

  • altri fattori da tenere in considerazione sono la distorsione, la vignettatura e la profondità di campo che variano con la focale; sono difetti che cambiano a seconda della lente x cui è molto importante conoscere i limiti della propria lente! :D
    My recent post Parliamo dell’esposizione

    • Hai ragione, infatti ho già scritto anche sulla profondità di campo.
      Attenzione però (non tu, ma chi legge) che angolo di campo e prodondità ci campo cambiano in base alla lunghezza focale, ma non tra diversi modelli di obiettivi (a meno di piccole sfumature).
      Invece distorsione e vignettatura dipendono molto da marca e modello.

  • federico

    Ciao complimenti per i vari articoli ben fatti e precisi da capire per chi sta imparando ma anche per chi ne sa' di piu!
    volevo domandarti una cosa al riguardo di questo articolo. Perche il cartello rimane sempre della stessa grandezza all'incirca ma cambia solo l'angolo di campo? io provando con uno zoom a 28mm e a 105mm l'oggetto e piu grande e diminuisce l'angolo di campo. Aumentando la lunghezza focale dovre aumentare anche l'immagine e diminuire l'angolo di campo giusto?
    ciao e grazie

    • Alberto Cabas Vidani

      Ciao, grazie dei complimenti. Come ho scritto all'inizio della serie di immagini, ho fatto in modo io che il soggetto in primo piano rimanesse sempre della stessa dimensione. Man mano che aumentavo la lunghezza focale, indietreggiavo, tenendo come riferimento la griglia all'interno del mirino per far sì che il soggetto rimaesse circa della stessa grandezza.
      Ho proceduto in maniera "scientifica", modificando una sola variabile alla volta, ovvero l'angolo di campo, per evidenziarne il comportamento.
      D'altronde, è questo di solito il problema che si pone. Supponi di voler fare un ritratto e di scoprire che lo sfondo è veramente disturbante, perchè ci sono troppi elementi. Supponi anche di non poter spostare il soggetto. Allora puoi provare a ridurre l'angolo di campo, per ridurre la porzione di sfondo visibile nella foto.
      Facendo questo, però, non vuoi modificare il contenuto della foto, ovvero la dimensione della persona all'interno dell'inquadratura. Così puoi aumentare lunghezza focale ed indietreggiare, ottenendo il risultato desiderato.

      • federico

        ah capito! perfetto allora… e' tutto chiaro ed ho scoperto una cosa nuova grazie,

  • Luca

    Grazie!

    Luca

Chi c'è dietro FotoComeFare?



authorMi chiamo Alberto Cabas Vidani, sono un informatico per formazione e un fotografo per passione.


Ho fondato FotoComeFare nel 2010 per condividere le conoscenze che avevo acquisito e che continuo ad acquisire su fotografia digitale e fotoritocco.


Voglio rendere queste conoscenze accessibili a chiunque, anche ai principianti assoluti.


Per contattarmi, vai alla pagina dei contatti.


Privacy Policy

© 2010-2014 FotoComeFare, tutti i diritti riservati / Cabas Vidani Alberto, vicolo della Sedima, 23 - 34076 Romans d'Isonzo (GO)
P.IVA 01139850315, CF CBSLRT82C07F356B, numero REA GO-75162
N° fax +3904811901128

FotoComeFare partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Sprintrade network.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni