Nel mio ultimo articolo sull’uso del flash in fotografia ti ho dato alcuni spunti su come utilizzare il flash in maniera naturale, facendo in modo che la sua luce si mescoli a quella ambientale senza dare troppo nell’occhio.

Questa volta faremo esattamente il contrario, vedremo come cambia l’impatto del tuo flash a seconda della quantità di luce ambientale presente in una scena e come sfruttare queste nozioni tecniche per ottenere un effetto drammatico nelle tue fotografie.

Forse in passato hai già sentito usare nell’ambiente della fotografia l’aggettivo “flashy“, che deriva dalla parola “flash”. Spesso si utilizza per descrivere un’immagine che sembra essere stata illuminata appositamente, soprattutto quando la luce ambientale è sottoesposta e l’uso del flash è evidente a chi guarda l’immagine.

A volte non è proprio questo l’effetto ricercato, ma in certi casi può risultare la scelta migliore per dare alla tua fotografia una sensazione drammatica, o distinguere le tue immagini da quelle del tipico fotografo medio. Mettere le mani su un flash off-camera ti permette di creare molti tipi di illuminazione ed effetti di luce diversi.

In quest’articolo faremo un passo oltre rispetto il cercare semplicemente di mescolare la luce del flash a quella naturale. Inizieremo a controllarlo e a renderlo una caratteristica specifica della nostra fotografia.

Non ti presenterò una lista di tecniche complete, ma sarà un buon punto d’inizio da cui partire per iniziare a dare alla tua foto, con l’aiuto del flash, una sensazione diversa o un’illuminazione che non era presente nella scena originaria.

Una via di mezzo

Anche se l’immagine qui sotto palesa la presenza di una luce esterna, particolare, il flash non attira l’attenzione esclusivamente su di sè. Qui l’obiettivo era quello di enfatizzare la luce sulla coppia mantenendo, nello stesso tempo, l’atmosfera naturale della scena.

Per raggiungere questo obiettivo ho posizionato a sinistra della fotocamera un Westcott Apollo Orb con un Nikon SB-800 e un filtro gel CTO, sottoesponendo Todd e Danielle di circa 1 1/3 stop. Così ho conferito alla scena maggiore profondità, il flash mi ha permesso di attrarre maggiormente la tua attenzione sulla coppia.

Mantenendo un rapporto tra flash e ambiente piuttosto simile all’originale sono riuscito a infondere nella fotografia una sensazione piuttosto naturale.

Gli altri elementi che qui entrano in gioco sono il mio filtro gel caldo e il tramonto che pian piano avanza; il calore del flash ti attrae verso la coppia, il bilanciamento del bianco a 5750k fa sì che la luminosità filtrata dalle nuvole della sera appaia di una tonalità proprio blu.

Senza usare il flash avrei potuto creare una scena molto più leggera, ariosa, permettendo al cielo e al mare di emergere dallo sfondo e scaldando notevolmente la scena con un diverso bilanciamento del bianco.

Però, in questo caso, ho avuto la sensazione che il flash mi avrebbe permesso di conservare più fedelmente il senso originale dell’atmosfera in cui eravamo immersi.

01_using_flash_softbox

Aumentare la drammaticità

Sottoesporre una scena di 2 o 3 stop ti permette di creare immagini marcatamente più drammatiche. È questa la soglia superata la quale, generalmente, la foto inizia a sembrare “flashy”. Questa non è detto che sia una cosa positiva né negativa, quando viene fatta bene può essere sfruttata per creare scatti molto interessanti.

Stavo lavorando con amici del gruppo di ballerini di tip-tap di strada Ground Jam e volevo infondere alla luce più sostanza, rendere la scena più reale. Ho deciso di ridurre la luce ambientale di circa 2 stop, ottenendo ombre più taglienti e abbastanza contrasto per condurre il tuo sguardo direttamente sul ballerino al centro del cerchio.

Nonostante ciò, sul resto della scena, compresi i ballerini tutt’intorno, sono rimasti abbastanza dettagli da rendere immediatamente comprensibile cosa stia succedendo nella foto.

02_using_flash_add_drama_details

Illuminare dove necessario

Ho scelto lo stile drammatico per ritrarre il signor Lee, l’autista di Tuk Tuk, perché era l’unica maniera possibile per farlo. È un personaggio veramente particolare, che poteva essere mostrato al mondo solo ed esclusivamente in questo modo. Mentre sistemavo l’illuminazione abbiamo parlato insieme dei suoi vecchi film western preferiti e mi ha mostrato come volesse essere ritratto.

Ho esposto per riprendere il cielo oscuro che incombeva su di noi e l’esterno del suo Tuk Tuk. Se non ci fosse stato anche lui nella scena avrei lasciato tutto così, ma questo significava che il suo viso (sotto il tettuccio del Tuk Tuk) sarebbe rimasto sottoesposto di circa 3 stop.

Ho posizionato un flash in un piccolo softbox, proprio poco al di fuori del margine destro dell’inquadratura, e l’ho utilizzato per rischiarare il signor Lee.

Qui la luce appare innaturale perché non sembra esserci nessuna fonte spontanea di luce a crearla, ma mi ha permesso di mantenere contemporaneamente il senso drammatico della scena tutt’intorno e l’attenzione concentrata sul viso del signor Lee.

Come sarebbe apparsa questa stessa scena, se avessi esposto il signor Lee senza usare un flash? Il cielo sarebbe scomparso e avremmo perso tutto il senso della profondità della scena. Ne sarebbe risultato un ritratto molto diverso.

04_using_flash_add_drama_portrait

Il passo finale: cancellare lo sfondo

Per ottenere immagini estremamente drammatiche, richiamando l’attenzione esclusivamente su ciò che scegliamo di rischiarare, non ci rimane che ridurre la luce ambientale ancora di più.

In quest’immagine sono 4 stop sotto quello che il metro ha letto per la pelle di Daniel. Partendo da qui, ho introdotto il flash per dargli una buona illuminazione. In casi come questo, il trucco funziona.

Chiaramente qui non cerchiamo un effetto sottile e quasi invisibile, il nostro intento è quello di creare un’immagine d’impatto, fortemente drammatica. Per ottenere quest’effetto bastano un piccolo modifier e l’estrema sottoesposizione della luce ambientale.

In realtà qui la luce naturale veniva dalla stessa direzione del flash, ma era molto tenue perché ci trovavamo all’interno di un garage, con il portone semichiuso. Avremmo potuto sfruttare questa luce senza utilizzare il flash, ma l’effetto finale non sarebbe mai stato così potente, perché la fonte di luce sarebbe stata molto più ampia e diffusa.

05_using_flash_maximum_drama

Conclusioni

Non esiste un modo giusto o sbagliato di usare un flash, ma quando inizi a sperimentare scopri che esiste una gamma infinita di cose che si possono fare. Quelli che ti ho esposto sono solo alcuni dei tantissimi modi in cui puoi giocare con l’equilibrio tra la luce del flash e quella ambientale.

Il risultato sarà tanto più naturale quanto il tuo flash e l’ambiente saranno simili per colore ed esposizione. Al contrario, più la luce naturale e quella del flash saranno distanti per colore o esposizione, più riuscirai a infondere nelle tue fotografie sensazioni drammatiche.

Divertiti a provare e scoprire gli effetti che ti piacciono di più. Il flash è uno strumento meraviglioso, una grande aggiunta alla tua attrezzatura fotografica. Inoltre, imparare a usare il flash ti sarà di grande aiuto per capire meglio come sfruttare la luce.

Articolo di DYLAN GOLDY liberamente tradotto dall’originale: https://fstoppers.com/originals/creating-drama-your-photos-flash-110485